Torna I-design: un'edizione dedicata al pensiero utopico | Video servizio :ilSicilia.it
Palermo

Dal 25 ottobre al 4 novembre

Torna I-design: un’edizione dedicata al pensiero utopico | Video servizio

di
18 Ottobre 2018

Guarda il video servizio in alto 

Un’edizione, la VII, di I-design, la manifestazione curata da Daniela Brignone, dai grandi numeri che vede una partnership speciale con Matera Capitale Europea della Cultura 2019, a Palermo dal 25 ottobre al 4 novembre.

daniela brignone
Daniela Brignone

Beyond borders. Utopias move people!” è il tema scelto quest’anno volendo porre l’accento su un design senza confini, riflesso delle contaminazioni e della globalizzazione, il cui pensiero utopico fa leva sul recupero della genuinità e delle tradizioni di ogni luogo.

In occasione del cinquantesimo anniversario del ’68, I-design dedica la serata inaugurale dal titolo “Turn on revolution”, che idealmente ripercorre un decennio di storia del design e pone l’accento sulla nuova libertà espressiva.

In virtù di un accordo tra Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018 e l’APT Basilicata per Matera Capitale della Cultura 2019, Fucina Madre di Matera presenterà una produzione di 26 artigiani e designer lucani.

Altro partenariato importante è quello con la Venice Design Week: Anita Cerpelloni, Giovanni Di Vito (Vitruvio Design), Anna Fanigina (Verba) e Rita Martinez saranno ospiti in diversi luoghi della città tra cui  Palazzo Ajutamicristo.

Tra i nuovi partner anche la Fondazione Orestiadi che per I-design curerà la mostra dedicata ad Ugo La PietraViaggio nel Mediterraneo. Nature e territori. Disegni e appunti di viaggio”, a cura di Enzo Fiammetta, che proporrà anche la public lecture con Giacomo Ghidelli, condirettore creativo di Olivetti dal 1980 al 1985 ed esperto di comunicazione.

Tanti i designer e gli artisti, autori di installazioni sui temi ambientali o legati alla storia culturale della Sicilia, tra cui Rosa Vetrano, Giuseppe La Spada, autore di “Fluctus”, installazione curata da Daniela Brignone e Lucia Gitto, accompagnata da un video e da una performance di Alessia De Mariano arricchita dai suoni di tamburi.

E poi ancora Dario Denso Andriolo, Alfonso Leto con “Screensaver”, l’artista rumena Raluca Andreea Hartea; il progetto sperimentale ideato dall’architetto Angelo Dolcemascolo, in collaborazione degli studenti del Corso di Laurea di Disegno Industriale dell’Università degli Studi di Palermo guidati dal professore Angelo Pantina.

Tra gli appuntamenti da non perdere la mostra “Sicilian Design Experience”che presenta una selezione di esempi di eccellenza locali, con circa 40 oggetti in mostra provenienti da varie parti della Sicilia.

Dedicata alla storia del design è la giornata di studi “Storie e geografie della cultura del design” che ricorda la figura di Anna Maria Fundarò, architetto e professore di Disegno Industriale, fondatrice della scuola di design dell’Università di Palermo negli anni ’70; il coordinamento della giornata sarà a cura di Viviana Trapani.

tutti-sulla-lapa

Uno spazio sarà dedicato, come ogni anno, anche ai bambini, al Museo Riso con il  workshop “Tutti sulla lapa” ispirato ai temi della cultura siciliana e rivolto ai bambini in età prescolare, frutto del lavoro di Alessio Barbera e Giorgia Bonanno all’interno del laboratorio di tesi in Design.

(h)AL Extruding è, infine, l’installazione posta alla Chiesa dello Spasimo di Alu Systems, sponsor della manifestazione, progetto che sottolinea la matericità e la duttilità del prodotto, la sua leggerezza e le sue capacità di trasformazione industriale.

I-design nel 2018, inserito nel Cartellone di Palermo Capitale Italiana della Cultura e tra i Collateral di Manifesta 12, ha anche arricchito il proprio comitato scientifico.

I-design è patrocinata dal Ministero per lo Sviluppo Economico, dall’Assessorato Beni Culturali della Regione Sicilia, dal Comune di Palermo e dal Museo Riso.

Partner dell’edizione: Università degli Studi di Palermo, Accademia di Belle Arti di Palermo, Ordine architetti della Provincia di Palermo, ANCE Palermo, Fondazione Orestiadi, Consorzio Universitario ARCA, Amici dei Musei Siciliani, AISA, Casa Florio, Spazio Centotre.

Qui il dettaglio del programma-i-design-2018.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.