Torna il Giro di Sicilia, Musumeci: "Lo sport deve essere traino dell'economia" | CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

la conferenza stampa a Palazzod'Orléans

Torna il Giro di Sicilia, Musumeci: “Lo sport deve essere traino dell’economia” | CLICCA PER IL VIDEO

di
16 Settembre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Torna il Giro di Sicilia Eolo 2021 e l’Isola è pronta a riabbracciare la sua corsa, dopo un anno di piena emergenza sanitaria che intratterrà gli appassionati dello sport dal 28 settembre al 1 ottobre. Un’occasione di testimonia di identità siciliana “Perché con il giro di Sicilia e con il giro d’Italia riconsegniamo al ciclismo di qualità un messaggio di speranza, nonostante la pandemia, e di promozione della nostra migliore Sicilia che spesso sfugge agli itinerari ufficiali. La Sicilia ospita una tappa del Giro d’Italia e per noi è motivo di entusiasmo”, ha detto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

Per la realizzazione di questa iniziativa “La Regione ha impegnato concrete e significative risorse finanziarie – prosegue il governatore siciliano – coinvolgendo i sindaci che sono presenti qui oggi e che ringrazio per la loro collaborazione. Saranno attraversate sei delle nove province siciliane, e ogni anno si alternano i percorsi affinché nessun territorio si senta escluso. Mancano le condizioni sanitarie per poterlo fare con sufficiente programmazione per via di una pandemia altalenante, e questo è uno dei motivi per il quale non possiamo ospitare grandi eventi. Ma vogliamo che lo sport sia traino dell’economia siciliana e rendere la Sicilia stazione invernale dello sport”.

Puntiamo, oltre che al turismo tradizionale, ad attrarre turismo di settore ed i flussi legati al segmento sportivo d’eccellenza. Per questo – ha annunciato il presidente Musumeci – siamo pronti ad accogliere, l’anno prossimo, il ritorno del Giro d’Italia. La volontà del governo regionale è quella di lanciare, anche attraverso eventi così rilevanti, un forte segnale di rivincita e di speranza alle migliaia di persone appassionate di questo antico e popolare sport”.

Voglio fare delle precisazioni. L’anno scorso il giro d’Italia non si è fatto per la pandemia. Volevamo evitare che il giro fosse chiuso al pubblico, riprenderà il suo programma naturale nel 2022, ma siamo qui per presentare un entusiasmante giro di qualità, per noi motivo di orgoglio. La nostra è una stagione turistica ricca, con eventi di grande prestigio, per rendere la Sicilia appetibile rispetto ai flussi turistici, anche per il periodo invernale stiamo lavorando, perché il clima ce lo consente. Vogliamo diventare meta di tante squadre sportive e dare visibilità alla Sicilia. Vogliamo puntare sul turismo culturale e fare della Sicilia la protagonista di turismo sportivo”, ha detto Manlio Messina, l’assessore regionale allo sport, turismo e spettacolo.

“Uno sforzo organizzativo notevole – ha aggiunto l’esponente del governo Musumeci – che metterà la Sicilia al centro dell’attenzione internazionale con atleti partecipanti del livello di Vincenzo Nibali, Chris Froome e Alejandro Valverde. A tutto ciò si sommano i 6 milioni di euro investiti dalla Regione Siciliana, grazie alla collaborazione del collega Marco Falcone, per la manutenzione di moltissime arterie che saranno attraversate dal giro. Buona volata a tutti ed evviva la Sicilia!”

Quattro tappe per un totale di 712 chilometri caratterizzeranno questa manifestazione culturale che si annuncia spettacolare sia per i percorsi proposti, sia per i paesaggi attraversati che per la qualità dei partecipanti. Annunciati alcuni dei nomi per la partenza: Vincenzo Nibali, Christopher Froome, e Alejandro Valverde, e saranno 20 le formazioni al via di 7 corridori ciascuna.

La prima frazione va da Avola a Licata ed è di 179 km, la seconda tappa da Selinunte (Castelvetrano) a Mondello per 173 km, la terza tappa da Termini Imerese a Caronia di 180 km e la quarta e ultima tappa da Sant’Agata di Militello a Mascali di 180 km.

Il Giro di Sicilia riparte ancora una volta grazie all’intesa tra la Regione Siciliana e RCS Sport con una edizione che si preannuncia spettacolare, sia per i percorsi, per il periodo dell’anno in cui si svolge, l’apertura della stagione autunnale. E proprio da martedì 28 settembre da Avola prenderà il via la prossima edizione deli Giro d1 Sicilia. Tornato casa nel 2019,dopo 42 anni di assenza, prima che la pandemia da Covid-19 lo fermasse di nuovo nel 2020.

La manifestazione sportiva dal grande fascino, riportata sotto i riflettori del ciclismo che conta e nel calendario internazionale, è tra le più antiche e gloriose corse a tappe italiane. La prima edizione risale al 1907, prima anche della nascita del Giro d’Italia. Il Giro di Sicilia ha animato a più riprese il panorama ciclistico italiano con picchi di celebrità quali il 1974 (successo di Roger De Vlaemlnck) e il 1977 (Giuseppe Saronni), prima della vittoria a stelle e strisce dell’americano Brandon McNulty nel 2019.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin