Torna il "Sole Luna Doc Film Festival": ecco il programma :ilSicilia.it
Palermo

Da lunedì 6 luglio

Torna il “Sole Luna Doc Film Festival”: ecco il programma

di
4 Luglio 2020

Riparte lunedì 6 luglio, Sole Luna Doc Film Festival, la rassegna internazionale del documentario d’autore, che quest’anno celebra i 15 anni di attività.

La serata inaugurale prevede otto proiezioni e tre première, declinate attraverso le parole chiave di questa edizione: “Giovani” e “Archivi”.

Sguardi agli antipodi per ripartire dopo il tempo sospeso della pandemia in una veste inedita: dal vivo al complesso monumentale dello Spasimo e online sul sito www.solelunadoc.org dove saranno proposti tutti i film in concorso (con un unico streaming in contemporanea al festival in presenza per un massimo di 500 visualizzazioni).

Si parte alle 20 con i saluti istituzionali e, a seguire, l’evento speciale Palermo 1953, una première assoluta di Sole Luna 2020 in collaborazione con la Filmoteca Regionale Siciliana (CRICD) e il Brass GroupScuola Popolare di Musica. Sul grande schermo della Navata centrale della Chiesa dello Spasimo, scorreranno le immagini di “Palermo 1953” (Italia 2020, 30′): le capanne di Mondello, la vecchia insegna di Barbisio, il traffico delle auto e dei carretti in piazza Stazione… La città com’era tra voglia di ricominciare e i segni ancora evidenti della seconda guerra mondiale. Un film di montaggio a cura di Laura Cappugi, Marcello Alajmo e Maurizio Spadaro, sonorizzato dal vivo dai giovani della Brass Youth Jazz Orchestra: Edoardo Donato (sax alto), Bruno Crescente (chitarra) e Arabella Rustico (basso). Materiali in gran parte inediti tratti dal Fondo Sicilia Home Movies della Filmoteca del Cricd che riunisce centinaia di pellicole amatoriali.

La prima serata del festival regalerà agli spettatori altre due anteprime nazionali: Marceline. A women. A century di Cordelia Dvorák (Francia 2018, 72′), film biografico su Marceline Loridan Ivens sopravvissuta ai campi di concentramento nazisti e diventata attrice, attivista politica e regista politicamente impegnata; e il corto Rewild di Nicholas Chin e Ernest Zacharevic (Indonesia, 2019, 4′) che riflette sulla deforestazione al confine dell’ecosistema di Leuser, nella parte settentrionale di Sumatra. Al via anche le rassegne fuori concorso.

Per “Sicilia Doc”, riservata ai giovani registi del Centro Sperimentale di Cinematografia, La buca di Dario Fedele (Italia, 2019, 28′) girato all’esterno dell’Ucciardone dove ogni mattina decine di famiglie aspettano di poter entrare a far visita ai propri cari detenuti.

Mentre per “Sguardi Doc Italia“, che propone alcuni tra i film documentari italiani più interessanti dell’ultimo anno, Quando non puoi tornare indietro di Leonardo Cinieri Lombroso (Italia 2019, 65′), la bella storia di Obaida, giovane siriano arrivato a Roma con una borsa di studio per studiare ingegneria, che riesce a laurearsi e anche a coronare il sogno di diventare cantante, esibendosi a The Voice.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.