Torna la "Zagara d’Autunno" tra i viali dell’Orto Botanico di Palermo | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

dal 25 al 27 ottobre

Torna la “Zagara d’Autunno” tra i viali dell’Orto Botanico di Palermo

15 Ottobre 2019

 

Tutto pronto per la Zagara d’ Autunno, la mostra mercato dedicato al florovivaismo che riporta a Palermo oltre sessanta vivaisti, una grande mostra ed eventi dedicati alle piante ed all’ ambiente. L’ evento, previsto nell’ultimo week end di ottobre, dalla mattina di venerdì 25 al pomeriggio di domenica 27, è ormai un appuntamento fisso per gli appassionati di  cultura verde e giardinaggio che affollano i viali di via Lincoln.  Da alcuni anni, l’Orto, fiore all’ occhiello del sistema museale universitario SIMUA, è protagonista di una nuova stagione di apertura alla città con mostre, eventi scientifici, ambientali e musicali,  ed è sottoposto a continui interventi di manutenzioni e valorizzazione delle collezioni e di miglioramento dei servizi di ricettività.

L’ esposizione botanica all’ interno del Gymnasium dedicata alle olive e agli oli d’Italia

Quest’ anno, spiega il direttore prof. Rosario Schicchi, la mostra sarà dedicata al mondo dell’ ulivo e dell’olio, al cambiamento climatico ed al ruolo fondamentale di questa pianta nella riduzione della co2 in atmosfera. La mostra è curata da Paolo Inglese, Silvia Fretto, Tiziano Caruso e Rosario Schicci è sarà inaugurata con la stampa alle 10 di venerdì 25.  Ampio spazio sarà dato anche alla scoperta del patrimonio degli ulivi monumentali siciliani. Il titolo dell’esposizione “Olive e oli d’Italia” vuole sintetizzare l’ attenzione al complesso settore, cardine della cultura mediterranea, che ruota attorno alla produzione delle olive da mensa e da olio, nelle sue numerose varietà coltivate. All’ interno del Gymnasium ci sarà l’esposizione di olive ed oli italiani afferenti a circa 100 cultivar, con schede tecniche, pannelli esplicativi e foto di ulivi monumentali; all’esterno sarà attivo un mini frantoio messo a disposizione dagli oleifici Barbera,  per la dimostrazione della molitura delle olive a freddo. I visitatori potranno partecipare ai laboratori per la preparazione delle olive da mensa e alla degustazione guidata di diversi olii delle differenti DOP siciliane, ma anche toscane e calabresi a cura di alcuni docenti di UNIPA, dei corsi di laurea  STAL e STAM, e  dell’ Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia.  Un momento speciale sarà dedicato alla degustazione di pane ed olii d’ eccellenza, secondo le più genuine tradizioni contadine. Sarà inoltre possibile incontrare e dialogare con i produttori e acquistare olio novello prodotto da alcune aziende siciliane.

L’Orto Botanico dell’Università di Palermo, che già dalla primavera si è mostrato ad un pubblico sempre più ampio di turisti stranieri con la pavimentazione ripristinata attorno al Gymnasium e lungo i viali principali, e con il nuovo look dell’ ingresso,  affidato a Fallen Fruit il duo di artisti californiani protagonisti di Manifesta,   mostra al pubblico anche la nuova sezione di cinquecento metri quadri dedicata alle piante aromatiche ed officinali,  in questi mesi implementata e valorizzata, il nuovo vigneto delle doc siciliane  impiantato quest’ anno ed il restauro del viale Parlatore con la cancellata di collegamento con la storica Villa Giulia, ripristinata dal Comune di Palermo. Inoltre, sarà possibile, per la gioia dei più piccoli, entrare nella serra delle farfalle, appena realizzata, ubicata accanto a quella delle cactacee.

Si prevedono le consuete eccellenze nelle adesioni dei vivaisti – spiegano gli organizzatori della Zagara –  sessantacinque tra Italia ed estero, con un numero totale di visitatori che oramai si attesta attorno ai 15 mila ingressi in tre giorni.  La scorsa edizione sono stati oltre venticinque i vivaisti siciliani, tra cui  alcuni specializzati in piante aromatiche. Saranno presenti come ogni anno aziende provenienti da diverse regioni della penisola (Piemonte, Lazio, Toscana, Basilicata, Emilia Romagna)  con nuovi nomi  che  arricchiranno la mostra mercato portando collezioni di salvie, ortensie, bulbose, carnivore, piante acquatiche rare da vasca, bambù giganti, fruttiferi antichi. Tra le new entry, i vivai Giannuso di Rosolini (SR), specializzati in olivi, i vivai Sgaravatti dalla Sardegna, l’azienda Hirondelle specializzata in complementi da giardino, il vivaio Magi, di Scandicci,  specializzato in rose moderne. Tra gli espositori stranieri, il vivaio Frentzel di Stoccarda, ed il ritorno del collezionista di semi di pomodori già molto apprezzato dal pubblico palermitano, il tedesco Schick di Monaco.

Presentazione di libri, conferenze ed aperitivo con l’ olio novello

Numerosi i momenti culturali che si svilupperanno attorno al tema del giardino mediterraneo e della biodiversità vegetale, con conferenze di esperti botanici e paesaggisti, oltre a presentazioni di libri.

Venerdì 25 al padiglione Tineo alle 15 Francesca Neonato, Francesco Tomasinelli e Barbara Colanino presentano il volume “Oro Verde – Quanto vale la natura in città” Il Verde Editoriale, presenta Manfredi Leone.  A seguire, alle 16  la conferenza del paesaggista Filippo Pizzoni dal titolo” Il lavoro del paesaggista e l amissione di Orticola Lombardia”.

Sabato mattina dalle 9 nel padiglione Tineo si inizierà con i seminari tematici di coltivazione, potature ed innesti.

Alle 11 in sala Lanza presentazione del libro “Mathematics, Nature and Art” di Maria Mannone a cura di Paolo Inglese.

Alle 13, ancora in sala Lanza  sarà assegnato il consueto premio Zagara d’ Autunno 2019 dedicato ai vivaisti per il miglior allestimento botanico.

Nel pomeriggio di sabato, dopo la ripresa dei  seminari tematici di coltivazione dedicati alle orchidee, alle plumerie ed alla Hoya, dalle 16 alle 18, in sala Lanza, la conferenza dal titolo “Biodiversità e cambio climatico in olivicoltura” con la partecipazione del prof. Primo Proietti, docente di Scienze Agrarie e Forestali di Perugia, che interverrà su “Cambiamento climatico in agricoltura”, del prof. Tiziano Caruso dell’ Università di Palermo, che affronterà il tema  “La base varietale degli oli siciliani “ e del prof. Rosario Schicchi, esperto di alberi monumentali della Sicilia.  Modera il prof. Paolo Inglese. Concluderà gli appuntamenti di sabato 26 l’ Aperiolio, degustazione di bruschette, vino siciliano  ed olio novello ( a pagamento in segreteria) .

Ritornano puntuali anche i laboratori gratuiti di giardinaggio per adulti, insieme  alle attività di intrattenimento, gioco ed esplorazione a tema per i bambini nelle giornate di sabato e domenica, su prenotazione a cura di Palermobabyplanner e  Coopculture.  (info e prenotazioni tel. 091 7489995).

Orario e costi: apertura al pubblico dalle 9.00 alle 18.00 (ingresso 4 euro, possibilità di richiedere biglietti scontati cumulativi per gruppi).

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.