Torna "Le Vie dei Tesori", 300 luoghi da visitare in tutta la Sicilia | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Dal 14 settembre al 4 novembre

Torna “Le Vie dei Tesori”, trecento luoghi da visitare in tutta la Sicilia | VIDEO

di
13 Settembre 2018

Guarda il video in alto 

L’edizione 2018 della manifestazione Le Vie dei Tesori, festival dedicato alla promozione del patrimonio culturale dell’Isola, che prenderà il via il 14 settembre con le città Agrigento, Caltanissetta, Messina, Siracusa, aprirà 300 luoghi in tutti la Sicilia.

Tante le novità dell’edizione corrente: l’inclusione nel programma di 6 nuovi capoluoghi, l’apertura per la prima volta di 34 luoghi inediti, e l’approdo al nord Italia con il coinvolgimento delle città Milano, Mantova, Chioggia e la Valtellina; debuttano poi Trapani, Ragusa, Modica e Scicli.

Il claimconnessi alle nostre radici” è il filo ideale che unirà tutti i luoghi e che ha ispirato l’artista visuale Giuseppe La Spada per la realizzazione del video promozionale.

A Palermo, quest’anno Capitale Italiana della Cultura, da cui è partita la manifestazione nel 2006  si potranno visitare terrazze, campanili, chiese sconosciute, palazzi privati, giardini, ex fabbriche, manifatture artigiane, per un totale di 130 luoghi aperti nei cinque weekend compresi tra il 5 ottobre e il 4 novembre.

carcere-ucciardone

Per la prima volta si potranno visitare l’imponente carcere dell’Ucciardone, emblema di anni bui ma oggi pieno di attività produttive e artistiche, che racconterà storie dimenticate; l’ex aeroporto militare di Boccadifalco, voluto dai Florio e tra i più antichi d’Italia, in particolare il rifugio antiaereo appena scoperto e, per i più audaci, un vero “battesimo del volo” sul Piper.

E poi ancora, tra gli altri, Fondo Minciulla, scavata nella roccia da cui si intravede l’ingresso a un qanat, primo bene confiscato alla mafia da Giovanni Falcone; l’Istituto Gonzaga con  la cappella e l’antica biblioteca che racchiude la memoria della Compagnia di Gesù; l’Istituto Padre Messina che racconta l’esperienza del “pazzo di Dio” e Casa Florio all’Olivuzza.

Sempre a Palermo quest’anno visite guidate dedicate ai bambini con un programma Kids pensato ad hoc, “Degustazioni e cene  Gioiello”, per il secondo anno torna l’Itineario Contemporaneo curato da Paola Nicita, e dulcis in fundo, verrà distribuita una guida in progress degli artigiani di Palermo, vecchi e nuovi.

Sarti, ceramisti, cesellatori, tabaccai, erboristi, panifici, pupari, artigiani del cuoio, del tessuto, della carta, cioccolatieri, pupari, ultime osterie e gelaterie familiari, realizzata  in collaborazione con Confartigianato.

Non mancheranno, infine, le Passeggiate de Le Vie dei Tesori condotte da botanici, giornalisti, appassionati, geografi, professori, circa cento, suddivise (e spesso replicate) nelle cinque settimane a Palermo.

Quest’anno il Festival è inserito nelle manifestazioni a massimo richiamo turistico dell’assessorato regionale al Turismo, promossa dell’assessorato regionale ai Beni culturali, e nelle manifestazioni dell’Anno europeo del Patrimonio culturale.

Tutti i coupon e le informazioni si trovano online sul sito www.leviedeitesori.it

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.