Torna libero Giovanni Brusca: sciolse nell'acido il piccolo Giuseppe Di Matteo :ilSicilia.it

Il fatto

Torna libero Giovanni Brusca: sciolse nell’acido il piccolo Giuseppe Di Matteo

di
31 Maggio 2021

Torna libero dopo 25 anni di carcere Giovanni Brusca, stragista e feroce assassino. Il boss mafioso, ha lasciato il carcere di Rebibbia questo pomeriggio. Fedelissimo di Toto’ Riina, accusato della strage di Capaci, e’ stato anche collaboratore di giustizia di varie procure del Paese.

Brusca, come scrive l’Espresso, ha finito di scontare quasi tutta la sua pena e ora sara’ sottoposto a quattro anni di liberta’ vigilata come disposto dalla Corte d’Appello di Milano, dopo la decisione del Tribunale di sorveglianza di Roma.

E’ accusato anche della brutale uccisione di Giuseppe Di Matteo, il figlio undicenne del pentito Santino: il piccolo e’ stato strangolato e sciolto nell’acido perche’ il papa’ collaborava con la giustizia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro