10 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.47
Palermo

DOPO 17 ANNI DI CARCERE

Tornato libero l’ex boss di Cerda apre profilo Facebook per “riconquistare” i figli

11 Agosto 2019

Il mafioso e estorsore Pino Rizzo, 51 anni, che aveva la sua influenza criminale tra Cerda Sciara e Trabia in provincia di Palermo, braccio armato del boss Nino Giuffrè, tornato in libertà dopo 17 anni di carcere (e un’ assoluzione per omicidio) ha aperto una pagina Facebook in cui dichiara l’amore per i suoi figli, gli stessi che gli consigliarono di seguire il percorso della propria madre Carmela Iuculano, che dopo l’arresto cominciò a collaborare con la giustizia.

L’uomo vive con una donna a Campofelice di Roccella (Pa) e ogni tanto scrive su Fb frasi che rimandano all’affetto e per i tre figli, due femmine e un maschio, che hanno cambiato nome e vivono con la madre. ”L’ho fatto soprattutto per i miei figli: con il mio arresto credevo che mio marito si sarebbe deciso a collaborare sapendo che io non c’entravo proprio, ed invece no. Allora ho avuto paura di perderli e ho fatto questa scelta per il loro bene’‘, disse Iuculano dopo la decisione di collaborare nel 2004 .

Era stata arrestata il 3 maggio per concorso in associazione mafiosa e messa ai domiciliari perché madre di tre bimbi, il più piccolo aveva 3 anni: le sue accuse portarono al’arresto anche del marito del suocero e del fratello.

I mafiosi furono processati a Firenze e in un’udienza la donna raccontò: “Fin da prima dell’arresto di mio marito io gli dicevo di andarsene dal giro ma lui mi rispondeva sempre che non lo poteva fare perché sarebbe stato ammazzato. Una volta anche mia figlia glielo disse: ‘papà, vedi che la mamma ti ricorda e bene’; ma mio marito gli rispose: ‘ma papà è nato per fare questo’”.

L’uomo non si pentì mai. Ora, dopo 17 anni di prigione è libero. E sui social network il suo tentativo di “riconquistare” i figli.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.