Torneo delle Regioni Femminile. Intervista a Mistretta. Sicilia seconda (VIDEO) | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Un fallo da rigore non visto dall'arbitro penalizza la rappresentativa siciliana

Torneo delle Regioni Femminile. Intervista a Mistretta. Sicilia seconda (VIDEO)

di
13 Aprile 2018

Torneo delle Regioni Femminile, la Lombardia batte la Sicilia 1-0

Allo Stadio Gran Sasso de L’Aquila, è andato in scena l’ultimo atto della categoria Calcio Femminile nel 57° Torneo delle Regioni con l’assegnazione del Trofeo alla Lombardia che conquista così il suo nono titolo.

La squadra guidata da Roberta Antignozzi si è imposta sulla Sicilia, alla sua prima finale, con il punteggio di 1-0 al termine di un match molto equilibrato e combattuto nell’arco degli 80’. Il pressing della Sicilia si fa asfissiante negli ultimi minuti e sugli sviluppi di un’azione insistita, la siciliana Ilenia Viscuso viene atterrata in area dalla Pavana.

Vibranti le proteste da parte delle isolane all’indirizzo del direttore di gara che però giudica l’intervento regolare nonostante fosse evidentissimo il fallo sulla giocatrice siciliana.

La Sicilia mette il cuore fino al triplice fischio ma la vittoria è della Lombardia.

La Lombardia è stata premiata dal Presidente della LND Cosimo Sibilia insieme al Sindaco de L’Aquila Pierluigi Biondi che ha consegnato loro le medaglie. Il Vice Presidente LND Florio Zanon ed il Presidente del SGS della FIGC Vito Tisci, hanno invece consegnato le medaglie alla alla Sicilia seconda classificata.

In apertura di cerimonia il Presidente del CR Abruzzo Daniele Ortolano ha premiato la terna arbitrale.

 

Lombardia – Sicilia 1-0

Lombardia: Mazzon, Bertolotti, Bonacina, Mauri (16’ st Giudici), Pavana, Polloni, Povia, Riella (25’ st Barletta), Ronca (1’ st Castelli), Veluti, Zangari.
A disposizione: Altamura, Loseto, Mariani, Paganessi, Monaci, Pievani.
Allenatore: Roberta Antignozzi

Sicilia: La Cava, Cammarata, Cancilla, Cavaliere (25’ pt Gerardi, 4’ st D’Amico), Garlisi (31’ st Alcamo), Incontrera, La Mattina, Olivieri, Todaro, Vuscuso, Zito.
A disposizione: Campanella, Alcamo, D’Amico, Filippone, Oliva, Priolo, Schillaci.
Allenatore: Antonella Giammanco

Reti: 10’ pt Pavana (L)
Arbitro: Iheukwumere di L’Aquila. Assistenti: Ciocca e Fonzi de L’Aquila

Nostra Intervista al Responsabile regionale Sicilia calcio femminile della Figc-Lnd Giuseppe Mistretta

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.