"Torneremo ancora"? Battiato preferiamo celebrarlo così | LE FOTO PIÙ BELLE | ilSicilia.it :ilSicilia.it

"Nuovo" disco e successi immortali

“Torneremo ancora”? Battiato preferiamo celebrarlo così | LE FOTO PIÙ BELLE

16 Ottobre 2019

Guarda la galleria fotografica in alto

Lo avevamo anticipato alcuni mesi fa e, puntualmente, come avevamo scritto, ecco che esce “Torneremo ancora”, il “nuovo” disco di Franco Battiato. Nuovo tecnicamente ma pur sempre fra virgolette, perchè l’unico brano inedito (“Torneremo ancora” appunto) è stato registrato anni fa e presentato soltanto adesso. Le altre 14 canzoni proposte, registrate live con la Royal Philharmonic Concert Orchestra di Londra, sono tratte da concerti che il cantautore ha tenuto quando le sue condizioni di salute glielo permettevano. All’interno, brani storici come “La Cura”, “E ti vengo a cercare”, “Povera Patria”, “I treni di Tozeur” e altri ancora.

L’uscita del disco, prodotto da “Sony Music Legacy” è accompagnata da un videopure questo avevamo anticipato ad agosto – che sarebbe stato voluto dalla stessa casa discografica per promuoverne l’uscita. Le immagini ritraggono un Battiato al pianoforte e poi alla scrivania, intento a guardare le bozze della copertina del disco e gli arrangiamenti musicali al computer. Il tutto registrato nella villa di Milo, sull’Etna, che sarebbe stata già venduta ad opera del fratello Michele, che ha preso in mano la situazione dall’inizio della malattia che ha colpito il cantautore.

Sull’operazione relativa all’uscita del disco e alla sua pubblicizzazione mediante questo video che ritrae un Franco Battiato a nostro parere irriconoscibile preferiamo non commentare, come non commentiamo la frase dell’ingegnere del suono Pino “Pinaxa” Pischetola (“una volta ascoltato l’esito finale, Franco si è molto commosso”), giusto per evitare di alimentare ulteriori polemiche.

Peraltro, se è oltremodo vero (e come potrebbe essere diversamente?) che “Torneremo ancora” – come ha detto il suo manager Cattini  – sarà l’ultimo brano del cantautore siciliano (“non abbiamo più altro materiale”), è altrettanto inevitabile che in futuro possano essere messe in vendita ristampe di suoi vecchi cd, come quella dei tre capitoli di “Fleurs” che Battiato ha presentato a Milo nel 1999, nel 2002 e nel 2008, in uscita adesso in edizione limitata.

Insomma, “Battiato non c’è più”? Quel che è certo è che la commercializzazione dei suoi successi c’è eccome e probabilmente continuerà anche in futuro. Noi preferiamo celebrarlo così, con una galleria fotografica che vi proponiamo in alto e che ritrae vari momenti della carriera artistica di questo grande esponente della musica contemporanea, che tante emozioni ha regalato a milioni di persone e che ha rappresentato anche un “compagno di viaggio” e un punto di riferimento per tanti uomini e donne in cerca dell’Assoluto.

LEGGI ANCHE:

In autunno un nuovo disco di Franco Battiato, sarà pubblicato dai familiari

Venduta la villa di Franco Battiato a Milo? È giallo e che fine farà il suo archivio?

In vendita la casa di Franco Battiato a Milo e c’è chi chiede che la acquisti la Siae

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.