“Torniamo a fare spettacolo”: i lavoratori della cultura scendono in piazza a Palermo :ilSicilia.it

martedì 23

“Torniamo a fare spettacolo”: i lavoratori della cultura scendono in piazza a Palermo

di
19 Febbraio 2021

Martedì 23ore 10, si protesta a Palermo in piazza Verdi con un sit-in di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom a sostegno dei lavoratori penalizzati dal lockdown del settore. Cardella e Lupo: “Lavoratori allo stremo. Si lavori a riaperture progressive dei luoghi della cultura e a forme di ristoro certe“.

La data del 23 per la protesta in piazza del mondo dello spettacolo è simbolica: ricorre un anno dal blocco totale del comparto. Un anno dall’inizio  pandemia, in cui la maggior parte dei lavoratori del settore è rimasto senza occupazione e con pochi ristori e i luoghi della cultura sono rimasti chiusi.

I sindacati chiedono al governo di pensare a forme possibili di riapertura, nel rispetto delle  norme di sicurezza, e ai ristori per alleviare la crisi degli addetti del settore.

Torniamo a fare spettacolo“, è la  richiesta che dà il titolo alla manifestazione, avanzata assieme alle altre rivendicazioni: ammortizzatori e sostegni fino alla fine dell’emergenza, la riapertura in sicurezza dei luoghi della cultura, la salvaguardia di produzione e occupazione, la riforma legislativa dello spettacolo,  la stabilizzazione dell’occupazione nelle fondazioni lirico-sinfoniche e il rinnovo dei contatti nazionali e dei protocolli di professionisti e autonomi.

 “Sono tutte rivendicazioni dettate da un lungo anno di profonda sofferenza,  che ha avuto conseguenze pesantissime sull’occupazione e sul reddito dei lavoratori, delle lavoratrici e delle loro famiglie.  Un anno senza spettacoli dal vivo,  di  chiusura di teatri, e di cinema –  dichiara il segretario generale Slc Cgil Palermo Marcello Cardella – ha ridotto i lavoratori  di questo fondamentale settore del Paese allo stremo. E non si vede luce in fondo al tunnel. Chiediamo al governo  di prevedere una  riapertura progressiva, ovviamente nel rispetto del distanziamento e delle norme anti Covid. Chiediamo altresì anche alle istituzioni locali  ristori certi ed adeguati  per i lavoratori, e una nuova forma di ammortizzatori sociali  per sostenere l’occupazione e la professionalità”. 

A Palermo, come in tutte le  altre piazze, i cinema e teatri restano chiusi, non si possono fare spettacoli e forse  solo in estate il settore potrà tirare un respiro di sollievo.

“La situazione pandemica non ha consentito di salvaguardare  i livelli di produzione e occupazione. Bisogna  capire come riaprire in sicurezza i teatri e i cinema, rispettando i protocolli che già sono stati firmati  – aggiunge Consuelo Lupo, responsabile del sindacato attrici e attori della Slc Cgil Palermo– Alcuni teatri   hanno lavorato in streaming e messo in prova spettacoli. Ma la maggioranza dei teatri è rimasta chiusa.  La pandemia ha fatto evidenziare anche  tutte le criticità contrattuali, la presenza di lavoro nero, la frammentazione esistente nella nostra categoria dove operano decine di figure con contratti diversi. E a soffrire è stato tutto l’indotto, tutte le maestranze  tecniche e dei service che lavorano con i  cinema e i teatri. Importante sarà riaprire il dialogo con le istituzioni e sedersi ai tavoli per cercare soluzioni alternative che possono arrivare con il Recovery Plan e con l’aumento del Fus, naturalmente con l’attivazione dei  controlli e dell’osservatorio regionale e nazionale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin