Torniamo bambini giocando a "Sciancateddu"? :ilSicilia.it

Un passatempo della nostra tradizione

Torniamo bambini giocando a “Sciancateddu”?

di
6 Marzo 2020

Vogliamo ritornare bambini con un gioco del passato, sempre di moda? Per fare ciò partiamo da Ezra Pound che, a proposito della Tradizione, disse: “La Tradizione è una bellezza da conservare, non un mazzo di catene per legarci”. E noi, che la amiamo molto, ci accingiamo a ricordare uno dei passatempi siciliani più amati, Sciancateddu, una vera e propria palestra, perché chi partecipava doveva essere allenato e dotato di grande equilibrio.

Sciancateddu gioco

I SUOI TANTI NOMI

Probabilmente risale all’antica Roma in cui era  chiamato il gioco del claudus, ovvero dello zoppo, da cui sciancateddu in siciliano  che ne rispecchia il significato. Prima di spiegarvi, dettagliatamente, le regole e parteciparvi tutti assieme appassionatamente, e metaforicamente, vogliamo elencare i tanti modi in cui è conosciuto e che mostrano la creatività, anche, linguistica di noi siciliani. Nel palermitano era conosciuto come ‘U Piruzzu; nel nisseno, Popò; nel messinese, ‘A Marredda; nel siracusano, ‘A Tringa o ‘A Trinca, e a Carlentini, ‘A Pulicinedda; nel ragusano, ‘U Tuornu; nell’ennese, ‘U Quatratu o La Quadrella e a Valguarnera, ‘A Chiavuzza; nell’agrigentino, ‘U Campanaru; nel trapanese, precisamente a Marsala, ‘A Settimana e ad Alcamo, Lu Torno; Ciappedde e Tririticchete, in molte parti, e a Catania, infine, U Sciancateddu, da dove siamo partiti.

Sciancateddu gioco

LE REGOLE DEL GIOCO 
In cosa consisteva questo passatempo che aveva come palcoscenico la strada? Per organizzare questo gioco, praticato non solo dalle bambine, si disegnava per terra un grande quadrato, diviso in altri dieci numerati in ordine crescente. All’inizio del gioco, il sassolino doveva atterrare al’’interno della prima casella, senza toccare nessuna linea o uscirne fuori, e il giocatore, su una sola gamba, doveva raccoglierlo, saltellare su un solo piede di casella in casella lungo tutto il percorso, senza mai entrare nel riquadro in cui era presente la pietruzza piatta. Raggiunta la casella finale, poteva fermarsi per, poi, voltarsi ed effettuare mezzo giro, rifacendo il percorso a ritroso, sempre rispettando la regola del singolo o del doppio appoggio dei piedi nel caso si  trattasse di due caselle affiancate. Lo scopo era saltare sopra tutti i numeri, posizionare il sasso nella seconda casella e così via finché non si sbagliava o vinceva.

Chiudiamo con la filastrocca che spiega il gioco

Uni, dui, tri, quattro,
facitimi fari stu quatrazzu
cincu, sei, setti e otto
portu a petra sinu all’orlu
facitimi arrivari a lu dumila
evinciri u iocu pi stasira.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin