Torture per l'ex ministro Poletti, il commento shock della candidata grillina alle Europee :ilSicilia.it

Pizzicata su Facebook la candidata M5S

Torture per l’ex ministro Poletti, il commento shock della candidata grillina alle Europee

di
1 Aprile 2019

“Io le camere a gas con forni crematori per ministri come Poletti. E farne saponetta”. Così avrebbe scritto su Facebook Silvia Scordia, attivista candidata del Movimento 5 Stelle nel 2016, commentando un post pubblicato un paio d’ore prima da Clementina Iuppa, pure lei pentastellata.

Iuppa avrebbe pubblicato il suo post il 20 dicembre del 2016, commentando: «Io personalmente vorrei ripristinare la “gabbia sospesa” e aspettare i corvi»: di certo un auspicio non proprio gradevole per l’allora ministro, visto che la “gabbia sospesa” era una pratica per le torture diffusa nel medioevo.

Ma il post non è passato inosservato, tanto che qualcuno ha fatto uno screenshot che ha adoperato al “momento giusto”. Da quel giorno sono passati due anni e tre mesi ed ecco che adesso il post con la pratica medievale (e annesso commento) rispunta fuori con una sincronicità e una puntualità di certo non casuali. Oggi la Iuppa è, infatti, una dei candidati siciliani “sopravvissuti” alle cosiddette “europarlamentarie”, la prima scrematura pentastellata per le Elezioni Europee del 26 maggio.

Clementina Iuppa, post fb

Iuppa è cognata dell’ex presidente di Riscossione Sicilia Antonio Fiumefreddo, ed è stata collaboratrice parlamentare di Angela Foti, deputata regionale all’Ars dei 5 stelle. Spulciando i suoi social, si trovano anche i suoi interessi per il movimento di neo-paganesimo e di neo-stregoneria, “neo-wicca“. Ma questa è un’altra storia…

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.