Totò Cuffaro benedice il governo Draghi: "Sicilia senza ministri? Più spazio per vice e sottosegretari" :ilSicilia.it

l'intervista

Totò Cuffaro benedice il governo Draghi: “Sicilia senza ministri? Più spazio per vice e sottosegretari”

di
17 Febbraio 2021

Che Totò Cuffaro di politica ne capisca e tanto è un dato di fatto. E’ stato uno dei primi a indicare Mario Draghi come punto di riferimento politico per un’area moderata centrista.

Certo, le cose sono andate un po’ oltre, con l’appoggio di populisti (M5S) e sovranisti (la Lega), ma l’ex Presidente della Regione guarda oltre e prevede un ricompattamento fisiologico dopo la fine della legislatura, passando per l’approvazione di una legge elettorale che possa essere di ispirazione proporzionale: “Avevo ipotizzato uno schieramento di forze moderate, da Forza Italia all’Udc, da +Europa a Calenda, che si riunisse attorno a Draghi – ricorda Cuffaro –. Adesso si è fatto un passo avanti: Salvini non poteva dire di no a Draghi lasciando praterie ai partiti che lo avrebbero sostenuto comunque. Senza dimenticare la necessità di un accreditamento Europeo senza il quale è impensabile anche per Salvini andare a governare in futuro. Ma se si dovesse varare una nuova elegge elettorale di ispirazione proporzionale, Salvini tornerà a destra con la Meloni, il Pd tornerà a sinistra, con quel che resta del Movimento 5 Stelle, e al centro le forze moderate potrebbero ritrovarsi unite attorno a Draghi. L’idea di un centro moderato attorno alla figura di Draghi è tutt’altro che tramontata“.

Un governo per il quale è stato fondamentale il lavoro di cesellamento svolto da Sergio Mattarella, con l’esecutivo che si troverà a gestire la fetta di Recovery Fund destinata all’Italia, 209 miliardi per la ripresa sanitaria ed economica: la fetta più grossa, tra i Paesi membri dell’UE. Ad amministrarne l’allocazione non ci saranno ministri siciliani, ma la questione non impensierisce Cuffaro: “In Sicilia scontiamo il fatto di non avere una classe politica che non occupa posizioni di primo livello in ambito nazionale, di questo bisogna prendere atto – premette –, ma non sono preoccupato dall’assenza di ministri siciliani: recupereremo con vice e sottosegretari, questa è la mia sensazione“.

Un ottimismo, quello di Cuffaro, che deriva dalla grande fiducia che nutre nei confronti dell’ex Presidente della Banca Centrale Europea: “E’ la persona certamente più autorevole in ambito europeo, che gode della stima e della considerazione di tutti. Basti pensare che è bastato che si facesse il suo nome per fare scendere lo spread a 85-90 punti. Un Presidente che ha la possibilità di dialogare con l’Europa senza mendicare“, afferma l’ex governatore. Il confronto con Monti? “Draghi ha un compito difficile, a più semplice rispetto all’ex Presidente, quest’ultimo doveva risparmiare, Draghi dovrà spendere, e dovrà farlo bene. Ha dimostrato di saperlo fare. Ha fatto una buona squadra di governo, adesso i partiti dovranno trovare il modo di fare squadra attorno a lui“, conclude Cuffaro

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin