Totò Lentini e la sindrome di Stoccolma: ritorna sotto le ali di Raffaele Lombardo :ilSicilia.it

l'analisi di balzebù

Totò Lentini e la sindrome di Stoccolma: ritorna sotto le ali di Raffaele Lombardo

di
18 Dicembre 2020

Non so a voi, ma a me Totò Lentini fa simpatia. Tutti lo additano come un politico che cambia casacca molto facilmente perché in questa legislatura dell’Ars ha cambiato solo quattro gruppi parlamentari: Forza Italia, Fratelli d’Italia, Ora Sicilia e Autonomisti. Quando gli chiedono il motivo di questo suo peregrinare da un gruppo all’altro, risponde: “Sono i partiti che cambiano, non io”. Può darsi che abbia ragione. Ma è l’ultimo approdo che mi lascia un po’ perplesso, il ritorno tra le braccia di Raffaele Lombardo. Una sorta di “sindrome di Stoccolma” – innamorarsi del proprio aguzzino – sembra essersi impossessata di Lentini. Non so dirvi altro di questo oscuro morbo, ma forse è proprio Raffaele Lombardo la persona in grado di spiegare a Lentini cosa sia la sindrome di Stoccolma, essendo un medico specializzato in Psichiatria forense. Ma sono fatti loro. Sicuramente, Raffaele trattò maluccio Totò quando lo definì “stigghiularo”, riferendosi alla passione smodata che Lentini nutre nei confronti di questo piatto da street-food. Ci volle del tempo e se non ricordo male fecero pace.

Io credo a Totò quando dice che non è lui che cambia, ma che sono i partiti a deluderlo. Però, una cosa è cambiare partito nell’ambito dello stesso schieramento, altra lasciare il centrodestra e infilarsi nella coalizione che nel 2017 sostenne la candidatura a sindaco di Leoluca Orlando. La sua lista, “Alleanza per Palermo”, ottenne il 4,7% dei voti, per un pelo non superò lo sbarramento del 5%. Un successo inimmaginabile per chi aveva deciso di cambiare non solo la casacca ma anche il cappotto. Ma l’amore tra Totò e Leoluca durò poco: non ottenne alcun assessorato né la presidenza di una delle tante aziende che fanno capo al Comune. Così con le pive nel sacco, tornò nel centrodestra e fu candidato nella lista provinciale di Palermo di Forza Italia, risultando il primo dei non eletti. All’Ars è arrivato lo stesso dopo l’elezione di Giuseppe Milazzo al Parlamento europeo. Messo piede a Palazzo dei Normanni è diventato una sorta di trottola, cambiando finora quattro gruppi parlamentari. Ma difficilmente lascerà Raffaele, la “sindrome di Stoccolma” non è un’invenzione psichiatrica. Esiste. Però, se Lombardo non gli offrirà qualcosa su un piatto d’argento – anche stigghiola – difficilmente si fermerà.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin