"Totò Riina aveva un telefono mentre era detenuto al 41 bis" :ilSicilia.it

La testimonianza al processo d'appello sulla Trattativa

“Totò Riina aveva un telefono mentre era detenuto al 41 bis”

7 Novembre 2019

Se la circostanza fosse confermata avrebbe del clamoroso: Totò Riina, il capo dei capi di Cosa nostra ormai scomparso, avrebbe avuto a sua disposizione un telefono cellulare mentre si trovava recluso nel carcere romano di Rebibbia nel luglio del 1993. Tutto ciò mentre si trovava recluso in regime di 41 bis, e quindi senza possibilità di comunicare con l’esterno.

La notizia viene riportata dal Fatto quotidiano, che racconta di come le indagini per verificare l’episodio, non ancora confermato, siano state avviate dopo che la circostanza è stato raccontata durante l’udienza del processo d’appello sulla Trattativa Stato-mafia lo scorso 14 ottobre. A riferirla è stato il giudice Andrea Calabria.

Secondo quanto riferito dal giudice Calabria, il boss corleonese sarebbe stato in possesso di un telefono cellulare mentre si trovava nel penitenziario capitolino:  “Venne una segnalazione riservata del ministero dell’Interno, credo proprio dal capo dalla polizia – ha detto il magistrato durante l’udienza –, nella quale si ipotizzava che con l’ausilio di alcun agenti di polizia penitenziaria, a Rebibbia ,Riina avesse a disposizione un apparato per comunicare con l’esterno, un telefono o un telefonino”.

Nel racconto fornito ai giudici, Calabria riferisce di come fosse stato egli stesso, successivamente, a chiedere il trasferimento di Riina in un altro carcere, a Firenze, ma che il provvedimento, sempre secondo la versione di Calabria, fu stoppato in seguito da un altro magistrato, Francesco Di Maggio, vicecapo del Dap, il Dipartimento di amministrazione penitenziaria.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.