Tra cortigiani da evitare e politica liquida. Parte la sfida di Musumeci :ilSicilia.it

Le scelte di Musumeci

Tra cortigiani da evitare e politica liquida. Parte la sfida di Musumeci

di
20 Novembre 2017

Nello Musumeci in un editoriale scritto su La Sicilia all’indomani del suo insediamento, ha accennato senza mezzi termini né riserve al deficit che in questi anni ha colpito ripetutamente e in maniera diffusa la capacità di scelta dei siciliani quando si è trattato di mandare in parlamento, all’Ars e nei consigli comunali, i propri rappresentanti: “elettori che per anni e anni hanno premiato politici chiacchierati e adusi a pratiche inconfessabili”, scrive il neo governatore.

Il problema della scelta dei leader è globale quanto quello di chi li deve scegliere e va trattato con la consapevolezza di chi non vuole indulgere né dissimulare e con la pertinenza di chi non vuol fare sconti.

Al tempo stesso, bisogna evitare la colpevolizzazione a oltranza di una terra in cui la linea di confine tra l’accesso al mondo del lavoro e le clientele della politica è stata confusa e sovrapposta. Spesso ragionevolmente oltre ogni limite.

Non è la Sicilia che ha un problema di leader. È il mondo intero. Ladri, incapaci o diversamente inaffidabili, se ne trovano a latitudini diverse e con mille sfaccettature che poco cambiano alla natura sostanziale del problema.

Ci si è appassionati, anche troppo a lungo negli ultimi tempi, sulle gaffe degli elettori americani che hanno scelto Trump dopo aver sorriso per i britannici che avevano siglato la Brexit senza comprenderne adeguatamente gli effetti.

Da questo punto di vista il voto siciliano è netto e consapevole. In pratica da sempre.

Se Musumeci arriva con ritardo a governare la Sicilia, infatti, non è solo per colpa della partitocrazia che ha regnato  ininterrottamente, ma delle scelte di chi si è rifugiato nella comodità di un voto più sicuro e senza sorprese.

Il cuffarismo prima e le coalizioni allargate dell’era berlusconiana, poi, sono stati un porto sicuro e ben riconoscibile per il voto dei siciliani. Del resto le regole si possono cambiare solo da dentro. Questa è la prima parte della grande opportunità del leader di #diventerabellissima.

Il cambio di passo degli elettori, in secondo luogo, comincia da una comprensione reale e maggiormente percepita dei problemi della Sicilia.

Per la platea, più o meno scarna che ancora si appassiona di politica, entrare criticamente e non in maniera passiva nella narrazione della malasanità o dei rifiuti da portare all’estero, non risolverà nulla, ma metterà i  siciliani in sintonia con un atteggiamento meno inquinato dalla frequentazione, a volte indiscriminata, dei social, e con la capacità di valutare le proposte dei vari politici di turno.

Il nuovo presidente della Regione  vorrà dire  “qualche no”, “ha sempre detestato i cortigiani” e ha annunciato di volere: “convertire gli scettici e i rassegnati”. Musumeci rientra, per molti aspetti, nella categoria dei politici che amano la politica, ma non sopportano “la corte dei nani”.

Proprio ‘gli impresentabili’ che sono stati identificati nelle ricostruzioni dell’ultima campagna elettorale sono una grande opportunità per il governatore siciliano di fare chiarezza. È tempo infatti di distinzioni e di scelte che si possano vedere.

Nella settimana degli incontri risolutivi con i partiti della coalizione per chiudere sui nomi della giunta, Musumeci che lo scorso anno si definiva un ‘grillino ante litteram’, rivendicando metodi di altra politica che i siciliani in qualche modo gli hanno riconosciuto, premiandolo con il loro voto, magari proverà a porre i paletti necessari per delimitare ambiti netti e perimetri di agibilità politica, restituite alla ripartenza che la Sicilia chiede.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.