Tra l'abbronzatura e una maggioranza che non c'è: ecco le riforme che si aspettano all'Ars :ilSicilia.it

il 10 settembre si ritorna in aula

Tra l’abbronzatura e una maggioranza che non c’è: ecco le riforme che si aspettano all’Ars

22 Agosto 2019

Mancano ancora un paio di settimane per la ripresa dei lavori in aula a Palazzo dei Normanni. Tra polemiche per la lunga vacanza dei deputati regionali, il 10 settembre si ritornerà tecnicamente a lavoro.

Poche sono state le riforme tanto attese dai siciliani e quelle chiave che dovrebbero dare lustro alla rivoluzione tanto decantata dal governo Musumeci. Lustro e cambiamento che stenta ad arrivare a causa di una maggioranza colabrodo che ha portato in aula, numerosi dissapori e prese di posizione lontane da “un centro di gravità permanente”, come cantava Franco Battiato.

L’ultima giornata a sala d’Ercole è andata in onda a Luglio quando il presidente dell’Assemblea Regionale, Gianfranco Miccichè ha mandato tutti a casa, per via dello stop dei lavori, voluto fortemente dall’opposizione formata dal Movimento 5 Stelle e dal Pd.

Ma i giorni di vacanza stanno per terminare e come i bambini che tornano a scuola adesso è il momento di fare i conti con disegni di legge rimasti da tempo nel cassetto. In primis i testi dei collegati rimandati alla commissione Bilancio la quale dovrà proporre un nuovo testo più snello e che piaccia a tutta la maggioranza. Importante norma da discutere in aula è la riforma dei rifiuti a firma dell’assessore Pierobon, che ha avviato una lunga discussione in commissione, ed è stato approvato a maggio scorso, a quanto pare, per la sua importante trasformazione che porterà sul sistema in Sicilia.

Per noi è un ddl di vitale importanza che scardinerà un sistema da troppo tempo attivo in Sicilia” afferma il presidente della IV commissione, Giusi Savarino.  Al momento è ai pit stop a sala d’Ercole, a causa del lungo ed estenuante lavoro sul “collegato” che ha tenuto un vibrante match politico tra i gruppi parlamentari in aula.

Non da meno è l’assestamento del bilancio che l’assessore Armao ha cucino e ricamato durante l’estate ed aspetta soltanto di essere preso in considerazione a sala D’ercole.

La ricomposizione del corpo della Polizia Municipale che non guarda soltanto alla sicurezza, ma che punta a uniformare le singole realtà di polizia locale che fanno capo ai Comuni, anche lei è ferma al palo. Come è ferma al palo la normativa sui Consorzi di bonifica, che prevede l’istituzione di un unico consorzio, articolato in quattro comprensori territoriali, con l’obiettivo di restituire agli agricoltori uno strumento efficiente attraverso, anzitutto, un aumento significativo della superficie irrigua: dagli attuali 61mila ettari ai 176 mila potenzialmente irrigabili. Un obiettivo, questo, da raggiungere grazie a un capillare ammodernamento delle reti.

Insomma, tra l’abbronzatura estiva e la crisi politica nazionale di questi giorni c’è ancora tanto da fare per i deputati regionali che in primis dovranno fare i conti con un allineamento politico ed una fiducia al presidente Musumeci che oramai da tanto tempo non arriva.

Tecnicamente la coalizione a sostegno di Musumeci può contare su un numero che va da 37 a 39 deputati. Qualcuno direbbe che “vano più che bene” ma i lavori in aula hanno dato torto a questa teoria.

Nel frattempo sono già sei i “cambiacasacca” di Sala d’Ercole: deputati eletti con un gruppo parlamentare e che oggi militano con un’altra formazione. Nuove creature politiche o salti del fosso, insomma, hanno portato già diversi parlamentari, considerato che il numero complessivo degli inquilini di Sala d’Ercole è sceso a 70, da una parte all’altra dell’Aula.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.