Tra mini ristori e norme per stabilizzare i lavoratori, la manovra arriva a Sala d'Ercole :ilSicilia.it

La riflessione

Tra mini ristori e norme per stabilizzare i lavoratori, la manovra arriva a Sala d’Ercole

di
10 Marzo 2021

Slitta ancora la seduta a Palazzo dei Normanni sulla discussione della manovra finanziaria regionale, causa la mancata completezza dei documenti normativi.

I parlamentari dell’Assemblea Regionale Siciliana, si riuniranno questo pomeriggio alle 18, essendo stato incardinato all’ordine del giorno di  Sala d’Ercole l’esame dei ddl “Bilancio di previsione della Regione Siciliana per il triennio 2021/2023” (n.961/A) e “Legge di Stabilità regionale 2021/2023” (n.962/A).

E’ un atto imponente quello approvato dalla II Commissione legislativa permanente del Parlamento siciliano, “una norma omnibus” così la definisce Marianna Caronia, deputata di Forza Italia e componente della Commissione Bilancio.

Marianna Caronia
Marianna Caronia

Una manovra che dovrebbe contenere un articolato maggiormente rispondente alle esigenze legate all’emergenza epidemiologica da Covid19: “Sono stati inseriti molti testi che oggettivamente hanno poco a che vedere con una Finanziaria da Covid. Ho rivelato una scarsa presenza di norme che servono ai ristori, infatti con il gruppo e con altri parlamentari stiamo riproponendo una riscrittura per dare maggiore significato al fatto che siamo ancora di fronte ad un grave momento di difficoltà economica e sanitaria. Mi aspetto che molte norme superflue non vengano approvate che ci sia una convergenza di tutti i partiti per trovare tutti i ristori per le categorie più colpite, senza intestarsi una battaglia che abbia un colore politico. In un momento di pandemia come questo, ci vuole un atto di forza da parte di tutti i gruppi parlamentari”, dichiara la deputata azzurra.

La finanziaria del 2021 dovrebbe contenere le tanto attese misure ristori che servono a contenere la chiusura di tante attività che si occupano di alcuni settori, come quelli legati alla ristorazione e al turismo, maggiormente colpiti durante il lockdown.

Norme rilevanti hanno a che vedere con i comparti lavorativi, considerate le problematiche occupazionali. La Regione Siciliana sta, adempio, tentando di mettere in sicurezza il personale di Riscossione Sicilia che dovrebbe transitare verso l’Agenzia delle Entrate, anche se la normativa nazionale di riferimento non specifica il punto in modo chiaro.  Perciò i parlamentari stanno provvedendo a fronte del ripianamento dei debiti della società.

L’attenzione politica riguarda anche la questione storica della stabilizzazione dei precari Asu, ampiamente discussa nel corso dei lavori d’aula e finalmente portata a compimento dalle forze di maggioranza, mediante la previsione di una norma che contempli la possibilità di firmare un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Dopo 25 anni di attesa, questi soggetti potranno essere così riconosciuti come lavoratori e non come assistiti.

Insomma, un atto dovuto da una Regione che promuove il lavoro come obiettivo principale dell’azione di governo.

Le norme di questa manovra finanziaria sono davvero tante, e diverse sono quelle disposizioni che hanno determinato decurtazioni importanti, soprattutto all’interno degli Enti locali, penalizzati moltissimo dai trasferimenti nazionali. Oggi il Fondo delle Autonomie conta di appena 340 milioni di euro per circa 400 Comuni e con queste somme bisogna fare quasi tutto. Ed è chiaro che se le riserve, ad oggi rimaste, incidono per 36 milioni, rimangono poco più di 300 milioni per permettere ai Comuni della Regione Siciliana di poter espletare tutte le attività amministrative, da quelle obbligatorie a quelle opzionali.

Torna il tema del sociale e ne paga il conto il Terzo settore a causa della compressione della spesa sociale. I tagli alla capacità di contribuire dell’ente locale creano all’amministratore pubblico delle difficoltà, di fronte alla scelta se finanziare i rifiuti, piuttosto che l’igiene o  le case che accolgono i minori assegnati dal Tribunale perché vittime di violenza.

C’è la necessità di garantire l’erogazione di servizi pubblici essenziali da parte dei Comuni, che non può essere compromessa dalla rivendicazione di altre bandiere e iniziative, senz’altro lodevoli, ma meno importanti rispetto al momento storico, economico e sociale che la comunità civile è costretta a subire.

Perciò i tagli apportati, anche dal governo nazionale, di riflesso cagionano un disagio che si ripercuote nella vita quotidiana del cittadino, fruitore di quei servizi.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin