Tra regole Ue e task force per il recovery fund, si rischia il commissariamento della democrazia :ilSicilia.it

L'analisi di Balzebù

Tra regole Ue e task force per il recovery fund, si rischia il commissariamento della democrazia

di
30 Novembre 2020

Di questioni economiche e finanziarie ne capisco poco, lo ammetto. Quando poi si tratta di fondi europei, ne capisco ancora di meno. E temo che ne capirò ancora di meno se dovesse nascere la task force annunciata dal premier Giuseppe Conte per la gestione del recovery fund, che dovrebbe portare nelle casse dello Stato italiano ben 209 miliardi di euro. Si parla di una struttura piramidale che dovrebbe avere sede a Palazzo Chigi. Al vertice di questa piramide ci sarebbe il premier Giuseppe Conte con al fianco o un gradino più sotto il ministro delle Finanze, Roberto Gualtieri, e quello dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli. Poi ci sarebbero 6 manager, tanti quanti sono gli assi di intervento, che avrebbero a disposizione ben 300 persone in grado di intervenire laddove ci fossero problemi sull’attuazione degli interventi programmati. I manager dovrebbero avere anche potere di commissariamento delle autorità locali che non dovrebbero rivelarsi all’altezza del compito loro assegnato. Il ministro per i rapporti con l’Ue, Vincenzo Amendola, sarebbe delegato ai rapporti con la Commissione europea. Un ruolo marginale rispetto alla gestione della grande massa di denaro che dovrebbe essere messo a disposizione dell’Italia. Nel Pd sperano che Amendola accetti di candidarsi, nel 2021, a sindaco di Napoli, per togliersi dall’imbarazzo.

Tutto ciò dovrebbe avere lo scopo di velocizzare l’impego dei 209 miliardi di euro del recovery fund, ma così facendo di rischia di appesantire ulteriormente la già complicata macchina burocratica che ostacola ogni tentativo di modernizzare l’Italia. Per rendere operativa questa task force, bisognerà creare delle apposite regole che si sommeranno a quelle già esistenti. Dalle indiscrezioni fin qui trapelate, alla manovra di bilancio sarà presentato un emendamento per la costituzione di questa super squadra di tecnici, ma non si parla di provvedimenti legislativi che dovrebbero tagliare le tante regole inutili che bloccano il Paese. Quindi alla burocrazia, tanta, già esistente si aggiungerà quella che dovrà regolare i rapporti all’interno della piramide e tra piramide e amministrazione statale. Eppoi, bisognerà fare i conti con il 90% di ministri ed apparati ministeriali che vengono esclusi dalla gestione del recovery fund. Mi sa tanto che in tanti si metteranno di traverso. L’opposizione? Difficilmente darà il via libera a questo vero e proprio commissariamento della democrazia. Perché di questo si tratta.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.