Tra regole Ue e task force per il recovery fund, si rischia il commissariamento della democrazia :ilSicilia.it

L'analisi di Balzebù

Tra regole Ue e task force per il recovery fund, si rischia il commissariamento della democrazia

di
30 Novembre 2020

Di questioni economiche e finanziarie ne capisco poco, lo ammetto. Quando poi si tratta di fondi europei, ne capisco ancora di meno. E temo che ne capirò ancora di meno se dovesse nascere la task force annunciata dal premier Giuseppe Conte per la gestione del recovery fund, che dovrebbe portare nelle casse dello Stato italiano ben 209 miliardi di euro. Si parla di una struttura piramidale che dovrebbe avere sede a Palazzo Chigi. Al vertice di questa piramide ci sarebbe il premier Giuseppe Conte con al fianco o un gradino più sotto il ministro delle Finanze, Roberto Gualtieri, e quello dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli. Poi ci sarebbero 6 manager, tanti quanti sono gli assi di intervento, che avrebbero a disposizione ben 300 persone in grado di intervenire laddove ci fossero problemi sull’attuazione degli interventi programmati. I manager dovrebbero avere anche potere di commissariamento delle autorità locali che non dovrebbero rivelarsi all’altezza del compito loro assegnato. Il ministro per i rapporti con l’Ue, Vincenzo Amendola, sarebbe delegato ai rapporti con la Commissione europea. Un ruolo marginale rispetto alla gestione della grande massa di denaro che dovrebbe essere messo a disposizione dell’Italia. Nel Pd sperano che Amendola accetti di candidarsi, nel 2021, a sindaco di Napoli, per togliersi dall’imbarazzo.

Tutto ciò dovrebbe avere lo scopo di velocizzare l’impego dei 209 miliardi di euro del recovery fund, ma così facendo di rischia di appesantire ulteriormente la già complicata macchina burocratica che ostacola ogni tentativo di modernizzare l’Italia. Per rendere operativa questa task force, bisognerà creare delle apposite regole che si sommeranno a quelle già esistenti. Dalle indiscrezioni fin qui trapelate, alla manovra di bilancio sarà presentato un emendamento per la costituzione di questa super squadra di tecnici, ma non si parla di provvedimenti legislativi che dovrebbero tagliare le tante regole inutili che bloccano il Paese. Quindi alla burocrazia, tanta, già esistente si aggiungerà quella che dovrà regolare i rapporti all’interno della piramide e tra piramide e amministrazione statale. Eppoi, bisognerà fare i conti con il 90% di ministri ed apparati ministeriali che vengono esclusi dalla gestione del recovery fund. Mi sa tanto che in tanti si metteranno di traverso. L’opposizione? Difficilmente darà il via libera a questo vero e proprio commissariamento della democrazia. Perché di questo si tratta.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin