Tracollo economico da lockdown, lo Svimez: "Al Sud persi 10 miliardi al mese" :ilSicilia.it

il rapporto

Tracollo economico da lockdown, lo Svimez: “Al Sud persi 10 miliardi al mese”

di
25 Novembre 2020

Persi 10 miliardi al mese nel Sud con il covid. Il Pil del Mezzogiorno, in termini reali, risulterebbe a fine 2020 al di sotto del suo picco minimo del 2014 e inferiore di 18 punti percentuali rispetto al 2007 (il Centro-Nord di circa 11). E’ il dato contenuto nel Rapporto Svimez 2020 che evidenzia i pesanti effetti sull’economia del Meridione della pandemia di Coronavirus. Ogni mese di lockdown e’ “costato” quasi 48 miliardi di euro, il 3,1% del Pil italiano, oltre 37 dei quali “persi” al Centro-Nord (3,2% del Pil) e quasi 10 nel Mezzogiorno (2,8% del Pil). Ma la crisi economica, avverte la Svimez, si e’ pero’ presto estesa al Sud, traducendosi in emergenza sociale, incrociando un tessuto produttivo piu’ debole, un mondo del lavoro piu’ frammentario e una societa’ piu’ fragile.

Le previsioni Svimez del Pil per il 2020 segnano -9% per il Mezzogiorno, -9,8% per il Centro-Nord e -9,6% per il Paese. Tuttavia il Sud subisce un impatto piu’ forte in termini di occupazione: nei primi tre trimestri 2020 la riduzione e’ pari al 4,5% (il triplo rispetto al Centro-Nord), con una perdita di circa 280mila posti di lavoro. Quanto al futuro, per il 2021 la Svimez prevede che il Pil cresca al Sud dell’1,2% e nel 2022 dell’1,4%, mentre al Centro-Nord del 4,5% nel 2021 e del 5,3% l’anno successivo. La conseguenza e’ che la ripresa sarebbe segnata dal riaprirsi di un forte differenziale tra le due macro aree. Previsioni pero’ piu’ ottimistiche se si considerano gli effetti della Legge di Bilancio 2021, che si vedranno soprattutto nel 2022. A trarne i maggiori benefici dovrebbe essere il Sud, in quanto il Pil aumenterebbe nel 2022 del +2,5%, circa un punto in piu’ di quanto previsto senza tenere conto della finanziaria. Un rilancio atteso, quello del Sud, che passera’ anche per la soluzione favorevole di dossier come quello dell’ex Ilva:

Proprio in questi giorni stiamo definendo l’accordo con Arcelor Mittal per completare il progetto di investimento, all’insegna di un partenariato pubblico-privato, per l’ex Ilva di Taranto“, ha annunciato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo alla presentazione del rapporto. Conferme arriverebbero anche dal fronte sindacale: “Abbiamo solamente intuito che lunedi’ prossimo, 30 novembre, probabilmente ci sara’ la firma dell’accordo per l’ingresso di Invitalia e dello Stato nel capitale di Arcelor Mittal“, ha dichiarato il segretario generale della Fim Cisl Roberto Benaglia, dopo l’incontro di oggi pomeriggio tra l’ad di ArcelorMittal, Lucia Morselli, e le organizzazioni sindacali, chiedendo comunque risposte chiare su piano industriale, investimenti e occupazione. “Domani si sciopera – ha spiegato Benaglia – per avere questa chiarezza nei prossimi giorni da parte del governo”. Singoli dossier da risolvere in un quadro di emergenza sociale che vede giovani e donne pagare maggiormente il prezzo della crisi.

L’occupazione femminile, gia’ ai minimi europei, si e’ ridotta nei primi sei mesi del 2020 di quasi mezzo milione di unita’, sottolinea la Svimez. La precarieta’ del lavoro femminile resta decisamente piu’ elevata, rispetto a quella del lavoro maschile, soprattutto nelle Regioni del Sud, con un quarto delle donne dipendenti a termine che ha quel lavoro da almeno cinque anni (a fronte del 13-14% delle dipendenti del Centro-Nord). Male anche le retribuzioni: l’11,5% delle donne ha una retribuzione oraria inferiore ai due terzi di quella mediana, a fronte del 7,9% degli uomini (al Sud tale quota sale al 20%, a fronte del 14% degli uomini). Sul fronte giovanile l’occupazione si e’ ridotta, nei primi due trimestri del 2020, dell’8%, piu’ del doppio del calo totale. A livello territoriale l’impatto sui giovani e’ stato ancora piu’ pesante nelle Regioni meridionali, gia’ caratterizzate da bassissimi livelli di partecipazione al mercato del lavoro: 12%

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin