Traffico, boom di auto in circolazione a Messina: è allarme inquinamento :ilSicilia.it
Banner Bibo
Messina

Nella città dello Stretto 603 vetture ogni mille abitanti

Traffico, boom di auto in circolazione a Messina: è allarme inquinamento

di
19 Febbraio 2018

Tante, troppe, auto in circolazione e così in materia di mobilità urbana Messina è tra le città fanalino di coda in Italia. La notizia di un primato di cui c’è decisamente poco di cui vantarsi arriva dal rapporto MobilitAria 2018, presentato a Roma.

Realizzato dall’Istituto d’inquinamento atmosferico del consiglio nazionale delle ricerche (Iia-Cnr) e dal gruppo mobilità sostenibile del Kyoto Club, il rapporto rivela i livelli dell’inquinamento dell’aria e della mobilità in 14 città italiane, ovvero: Messina, Catania, Palermo, Reggio Calabria, Bari, Cagliari, Napoli, Roma, Firenze, Bologna, Genova, Milano, Torino e Venezia.

In buona sostanza, lo studio dimostra che la città dello Stretto è la seconda città siciliana con il più alto tasso di motorizzazione: 603 automobili ogni 1000 abitanti. A batterla è solo Catania, 684 veicoli ogni 1000 persone, che conquista il primo posto non solo in Sicilia ma in tutta Italia. L’argomento richiama, di riflesso, la questione dei trasporti pubblici. In tutte le 14 città analizzate nello studio, infatti, il trasporto pubblico è considerato insufficiente e inadeguato dai cittadini che, a quanto pare, preferiscono prendere l’automobile per spostarsi piuttosto che avventurarsi con autobus e tram.

inquinamento-dieselUn dato su cui, per forza di cose, occorre riflettere è anche quello della mortalità stradale. Tra le 14 città dello studio, Reggio Calabria è la città con più morti sulla strada (3), a seguire ci sono Cagliari (2,3), Catania e Messina con 1,7 morti su 100. Capitolo altrettanto rilevante e strettamente connesso al tema è quello inerente l’inquinamento dell’aria. Grazie a delle stazioni di misurazione, posizionate sia nei punti di maggiore traffico che nelle zone limitrofe delle città, si è riusciti ad avere un quadro chiaro sul livello di inquinamento presente nell’aria.

A Messina, in particolare, sono stati rilevati sei punti sul territorio per valutare i livelli di inquinamento consentiti dalla legge e tra questi anche quella degli imbarchi che si rivelata quella con i flussi più intensi. Un dato comunque prevedibile, praticamente inevitabile, vista l’intensità del traffico dovuta agli imbarchi ed anche in considerazione dell’importanza strategica che ha questa zona nel contesto delle dinamiche locali. Secondo quanto precisato nel report non è stato però possibile creare un quadro complessivo dell’inquinamento in città a causa di molti dati mancanti nell’arco temporale preso in esame (2006-2016) e per la discontinuità che caratterizza le informazioni ricevute.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti