20 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.50
Palermo

operazione della squadra mobile

Traffico e smercio di droga, diciannove arresti all’alba a Palermo | Video

21 Maggio 2019

Guarda il video in alto

La droga arrivava dalla Campania e dalla Calabria per poi essere smerciata in tutta la Sicilia. Lo snodo fondamentale era Palermo, dove fino a stamattina all’alba era attiva un’organizzazione capillare smantellata dalla squadra mobile.  

Diciannove gli arresti effettuati su ordine del Gip su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia. Ciascuno delle persone coinvolte avrebbe avuto un ruolo ben preciso.

L’organizzazione poteva contare su una ben strutturata rete logistica che si occupava della distribuzione e della spedizione degli stupefacenti. Diverse attività commerciali, poi, erano riconducibili alla rete di trafficanti: fra queste, c’erano ristoranti e stazioni di servizio che sono state poste sotto sequestro dal giudice.

L’operazione chiamata “Blacksmith” nasce da una precedente indagine della Squadra mobile, del 2016, che aveva portato alla luce una vasta attività di importazione di cocaina dal Sud America e dalla Calabria, destinata a rifornire le piazze di spaccio palermitane.

Con lo stesso provvedimento, la magistratura ha disposto anche il sequestro di alcune attività commerciali riconducibili ad alcuni componenti dell’organizzazione.

Gli arrestati sono Paolo Dragotto, 58 anni, Paolo Di Maggio, 35 anni, Fabio Bongiorno, 42 anni, Pietro Morvillo, 49 anni, Tommaso Marchese, 45 anni, Michele Spartico, 26 anni, Giuseppe Flandina, 45 anni, Vincenzo Paolo Flandina, 25 anni, Anthonj Basile, 28 anni, Salvatore Basile, 32 anni, Salvatore Paolo Cintura, 29 anni, Daniele Spataro, 30 anni, Giovanni Visiello, 30 anni, Savino Intagliatore, 48 anni.

Ai domiciliari Giampiero Badagliacca, 39 anni, Silvana Greco, 35 anni, Giorgio Cortona, 73 anni, Vito Lo Grasso, 67 anni, Angela Caruso 64 anni.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.