Traffico illecito di rifiuti a Palermo, scattano arresti e sequestri :ilSicilia.it

Traffico illecito di rifiuti a Palermo, scattano arresti e sequestri

di
13 Luglio 2020

I carabinieri del Noe di Palermo e del comando provinciale di Palermo hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare personale e reale, emessa dal gip del capoluogo siciliano su richiesta della Dda nei confronti di cinque persone. Sono accusate di traffico illecito di rifiuti, gestione illecita di rifiuti, pericolosi e non, furto aggravato in concorso e occupazione abusiva di edifici pubblici.

Sono in corso arresti e sequestri. Si tratta del traffico dei rifiuti ingombranti gestiti da persone che a Palermo raccolgono ferro e altro materiale per poi rivenderlo.

LE INDAGINI

Le indagini, avviate a novembre 2018 a seguito di un esposto di un amministratore locale che denunciava la presenza di grossi quantitativi di rifiuti urbani ingombranti e speciali, anche pericolosi, hanno consentito di individuare l’esistenza di una attività organizzata di raccolta, trasporto, lavorazione e, infine, abbandono e smaltimento di rifiuti gestita da due gruppi criminali.

Le bande, su richiesta di privati o imprese e senza le autorizzazioni di legge, prelevavano i materiali e li abbandonavano vicino i cassonetti nel quartiere di Partanna Mondello a Palermo. I rifiuti venivano ridotti di dimensioni all’interno di un magazzino per poi essere smaltiti irregolarmente.

Le due organizzazioni agivano con la complicità di alcuni operatori della RAP, incaricati dello svuotamento dei cassonetti. Gli operai provvedevano a smaltirli nell’autocompattatore. Tutto cominciava con una richiesta di recupero dei rifiuti a domicilio da parte di privati o presso le sedi di cantieri e imprese, sempre dietro pagamento di una somma.

Le due organizzazioni di sedicenti traslocatori portavano il materiale nelll’officina creata ad hoc nei locali del magazzino “ex O.N.P.I.” di Palermo, dove, con l’aiuto di una attrezzatura meccanica, i rifiuti venivano separati, ridotti di volume e frammentati, per poi essere lasciati nei cassonetti ed essere recuperati da 3 dipendenti Rap. Il triturato veniva poi portato alla discarica di “Bellolampo”.

Gli inquirenti hanno valutato che le due bande avrebbero gestito un traffico di oltre 1.000 tonnellate di rifiuti, con una media di dieci movimentazioni giornaliere con circa 70 quintali di rifiuti a viaggio e un guadagno di 150.000 euro.

Nel corso dell’indagine sono stati sequestrati i magazzini dello stabile “ex ONPI” e 4 mezzi utilizzati per il trasporto dei rifiuti. Il valore complessivo dei beni sottoposti a sequestro è di circa 1.500.000 euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.