Tragedia a Noto: batte la testa mentre gioca a calcetto. Muore 18enne dopo due giorni di agonia :ilSicilia.it
Siracusa

Senegalese era ospite al centro accoglienza di Noto

Tragedia a Noto: batte la testa mentre gioca a calcetto. Muore 18enne dopo due giorni di agonia

di
10 Gennaio 2018

SIRACUSA. Un senegalese di 18 anni, ospite del centro di accoglienza Oasi don Bosco a Noto (Sr), è morto dopo una caduta nel campo di calcetto della struttura.

L’episodio è accaduto il 4 gennaio scorso, il giovane è deceduto dopo due giorni all’ospedale Umberto I dove era stato ricoverato. Secondo quanto riferito dalla polizia, il ragazzo stava giocando a calcio quando ha perso l’equilibrio ed è caduto all’indietro andando a battere violentemente la testa sul muretto in calcestruzzo a bordo del campetto. Immediato il trasferimento in ospedale. La polizia, sentendo anche i testimoni presenti, avrebbe accertato la casualità dell’incidente, ma la Procura sta valutando eventuali responsabilità.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.