Tragedia al carcere di Augusta, detenuto 40enne si impicca in cella :ilSicilia.it
Siracusa

il fatto

Tragedia al carcere di Augusta, detenuto 40enne si impicca in cella

di
15 Maggio 2021

Un 40enne, detenuto nel carcere di Augusta nel Siracusano, si è suicidato nella sua cella ieri notte. L’uomo si è impiccato con una cintura. La Procura di Siracusa ha aperto un’inchiesta e ha disposto l’ispezione cadaverica.

“Disorganizzazione del lavoro; un solo agente deve vigilare su tre reparti e risulterebbe che tra questi, ci sarebbe il reparto dove è accaduto il tragico episodio” hanno commentato Nello Bongiovanni, dirigente nazionale e Alessandro De Pasquale, presidente del Sippe, sindacato polizia penitenziaria affiliato al Sinappe.

“Non è possibile – affermano De Pasquale e Bongiovanni – attuare un’organizzazione del lavoro dove al personale si chiede anche il potere dell’ubiquità, e se ti va male, come in questo caso, rischi un procedimento disciplinare con grave pregiudizio alla carriera. Da tempo chiediamo la sostituzione dei vertici del carcere di Augusta perché in questo penitenziario non sembrano esserci strategie, obiettivi ed il personale opera nel terrore”. L’istituto ospita oltre 400 detenuti, 150 in più rispetto alla capienza. Il Sippe denuncia la carenza di organico degli agenti di polizia penitenziaria, “190 effettivi quando ce ne vorrebbero 250”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin