Tragedia al Giro d'Italia nel Belìce, tappa funestata dal sangue :ilSicilia.it
Trapani

Gravissimo incidente

Tragedia al Giro d’Italia nel Belìce, tappa funestata dal sangue

di
9 Maggio 2018

Enrico Battaglin ha vinto allo sprint la 5^ tappa del 101/o Giro d’Italia di ciclismo, da Agrigento a Santa Ninfa (Trapani), lunga 153 chilometri.

Ma la tappa è stata macchiata da una tragedia: è rimasto gravemente ferito infatti un motociclista del servizio d’ordine investito questo pomeriggio, prima dell’avvio della quinta tappa, sulla statale 640 “Strada degli Scrittori”, ad Agrigento.

Dalle prime informazioni un automobilista con una Fiat Stilo, dopo avere forzato uno sbarramento disposto dagli organizzatori, nonostante il presidio delle squadre di Anas, è entrato in un tratto di strada chiuso al traffico per via della manifestazione sportiva, investendo il motociclista. Trasportato tramite elisoccorso, in un primo momento era stata diffusa la notizia del decesso dell’uomo all’ospedale Sant’Elia. L’uomo di 48 anni di Sambuca di Sicilia (AG) che è stato travolto mentre era in sella alla motocicletta Bmw Gls, contrariamente a quanto comunicato dall’Anas con una nota ufficiale, non è morto ma in gravissime condizioni.

In questo momento viene sottoposto a un intervento chirurgico disperato nel reparto di neurochirurgia dell’ospedale Sant’Elia. Il paziente, spiegano i sanitari, presenta una vasta emorragia cerebrale e da 12 costole rotte. La vittime dell’incidente è un imprenditore nel settore del commercio edile di 48 anni originario di Sambuca di Sicilia, che è stato travolto mentre era in sella alla motocicletta lungo la statale 115.

La Fiat Stilo avrebbe forzato la chiusura di strada imposta, con tanto di transenne dall’Anas, lungo la statale. All’altezza del bivio per contrada Maddalusa, in territorio di Agrigento, così come in tutte le altre complanari, strade urbane e provinciali che si affacciano sulla statale Agrigento-Sciacca l’Anas – su disposizione della polizia Stradale – ha collocato, sbarrando di fatto l’accesso, le transenne.

Intanto, è in corso alla Procura di Agrigento, nella sezione di polizia giudiziaria dei carabinieri, l’audizione dei due dipendenti Anas che vigilavano sul varco violato dall’autista – un settantenne agrigentino – della Fiat Stilo.

Grande collaborazione da parte dell’Anas che ha subito messo a disposizione dei pubblici ministeri Paola Vetro e Salvatore Vella, che è anche il procuratore aggiunto di Agrigento, le foto dei luoghi, sia quelle poco prima che quelle immediatamente dopo l’incidente. Pare che il settantenne fosse stato bloccato dagli operai dell’Anas. I dipendenti avrebbero, inizialmente, cercato di spiegare l’impossibilità a percorrere la statale che stava per essere attraversata dalla quinta tappa del Giro d’Italia.

Ne sarebbe nato anche un alterco perché, a quanto pare, l’automobilista avrebbe continuato ad insistere. Poi – stando alle ricostruzioni della Procura della Repubblica di Agrigento – l’automobilista accelerando avrebbe invaso la statale dove sopraggiungeva, con una motocicletta, il commissario di gara: il quarantottenne di Sambuca di Sicilia (Ag). La posizione dell’automobilista, almeno in questa prima fase, è ancora al vaglio degli inquirenti.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin