Tragedia nel Siracusano: piccolo aereo precipita, due morti :ilSicilia.it
Siracusa

La Procura di Siracusa ha aperto un'inchiesta

Tragedia nel Siracusano: piccolo aereo precipita, due morti

di
12 Febbraio 2020

Un piccolo aereo è precipitato nel Siracusano: nello schianto il velivolo ha preso fuoco. Le due persone che erano a bordo sono morte. L’incidente è avvenuto nelle campagne tra Francofonte e Lentini. L’ultraleggero era di una scuola di volo di Catania. Sul posto la polizia, con personale della squadra mobile della Questura di Siracusa, e vigili del fuoco.

Il velivolo precipitato è un Tecnam P2002. Era decollato per un volo di addestramento dall’aeroclub di Catania con a bordo un istruttore esperto e un giovane allievo. Stavano sorvolando la campagna del Siracusano quando, per cause in corso di accertamento, ha improvvisamente perso quota ed è precipitato, schiantandosi al suolo.

Sul posto si sono recati ispettori dell’Agenzia nazionale sicurezza volo e dell’Ente nazionale aviazione civili per gli accertamenti del caso. La Procura di Siracusa ha aperto un’inchiesta.

LE VITTIME

L'aereo precipitato
L’aereo precipitato

Sono un pilota esperto dell’Alitalia, Stefano Baldo, di 53 anni, e un allievo dell’istituto aeronautico di Catania, Gioele Bravo, di 20, le due vittime che erano a bordo del piccolo aereo precipitato nel Siracusano. Baldo aveva studiato all’accademia navale di Livorno e aveva volato per la marina militare italiana, svolgendo anche il ruolo di istruttore. Aveva al suo attivo molte ore di volo.

Secondo quanto si è appreso, l’aereo, decollato da Catania, era impegnato in un volo di addestramento quando, a circa mille metri d’altezza, è precipitato schiantandosi al suolo e prendendo in parte fuoco.

 

 

***IN AGGIORNAMENTO***

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.