Tragedia sfiorata a Catania, incendia baracca del cognato: arrestato 40enne :ilSicilia.it
Catania

IL FATTO

Tragedia sfiorata a Catania, incendia baracca del cognato: arrestato 40enne

di
24 Agosto 2021

I Carabinieri della Stazione Ognina e del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale hanno arrestato nella flagranza un pregiudicato catanese di 40 anni, poiché ritenuto responsabile di tentato omicidio e incendio doloso.

La tragedia si stava per consumare all’interno di una abitazione di fortuna ubicata in questa via Bartolomeo Altavilla. All’interno del manufatto, costruito in lamiera ed assi di legno, vive un 45enne che per voler del padre, deceduto lo scorso anno, glielo costruì in adiacenza al suo immobile tenuto conto delle difficoltà economiche in cui versava il figlio.

Purtroppo, l’uomo, dedito abitualmente all’uso di stupefacenti, per procurarsi il denaro utile all’acquisto di droga, si dedicava alla commissione di reati contro il patrimonio e sembra che tra i destinatari di questi furti ci fosse stato il cognato, marito della sorella, il quale la scorsa notte aveva patito il furto della batteria della propria Apecar.

Parente che, senza pensarci due volte, si è recato nei pressi della baracca appiccando il fuoco alla stessa noncurante che l’inquilino vi si trovasse dentro a dormire e che la struttura, come già detto, era stata costruita in adiacenza all’immobile dove ora vive la vedova del defunto padre del 45enne (donna sposata in seconde nozze) e la figlia 16enne.

Per fortuna, la vittima designata, destatasi grazie alle esalazioni del fumo, è riuscita ad uscire dalla struttura prima che questa ricadesse su se stessa distrutta dalle fiamme che per miracolo, grazie anche all’intervento dei vigili del fuoco, non hanno intaccato l’immobile confinante.

I militari, intervenuti sul posto, hanno ricostruito immediatamente gli avvenimenti raffigurando un quadro probatorio nei confronti dell’odierno arrestato. In particolare, i carabinieri, dopo aver acquisito un messaggio vocale nel quale la moglie dell’incendiario preannunciava la vendetta del congiunto nei confronti del fratello, ritenuto, appunto, essere l’autore del furto della batteria dell’Apecar. Difatti, gli operanti, recatisi immediatamente nell’abitazione del presunto autore del reato hanno rinvenuto e sequestrato, nascosta nel sottoscala, una tanica da 10 litri piena per 1/3 di liquido infiammabile. Autore del reato che, come se nulla fosse accaduto, si è presentato nei pressi della propria abitazione, distante una 60ina di metri dal luogo del delitto, riferendo agli investigatori di essere giunto sul posto a bordo del proprio motociclo. Circostanza confutata immediatamente grazie al fatto che non aveva le chiavi con se e che il motore del motoveicolo era completamente freddo.

L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Catania Piazza Lanza.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin