Traghetti, info su tariffe agevolate ai residenti dello Stretto :ilSicilia.it
Messina

LA NOTA DI CARONTE & TOURIST

Traghetti, info su tariffe agevolate ai residenti dello Stretto

di
11 Febbraio 2019

La richiesta di tariffe agevolate nel traghettamento sullo Stretto per i cittadini residenti a Messina (o a Villa San Giovanni) riemerge ciclicamente da parte di singoli, associazioni, parti politiche e/o istituzioni, con motivazioni varie ma generalmente afferenti alla necessità di “indennizzare” quelle popolazioni per il traffico da attraversamento legato all’attività di navigazione tra le due sponde.

È bene chiarire, ancora una volta, che:

  • Le normative europee vietano tariffe differenziate – più precisamente definite “discriminazioni” – basate sulla nazionalità dei clienti e, conseguenzialmente, sulla loro residenza. [cfr. Regolamento UE 1177/2010, art. 4 par. 2].
  • Il divieto è categorico “fatte salve le tariffe sociali”, che non sono meglio identificate ma che sulla base di giurisprudenza comunitaria consolidata possono correttamente riferirsi a specifiche categorie di utenti/viaggiatori che necessitano di una tutela rafforzata in quanto a basso reddito o con particolari esigenze sociali.

È dunque palese che la mera residenza non può essere motivazione sufficiente per godere di tariffe agevolate, anche perché queste ultime creerebbero ulteriori discriminazioni tra cittadini che utilizzano con regolarità i collegamenti navali (e che quindi beneficerebbero del ristoro del danno teoricamente subito) e cittadini che non lo fanno (i quali, al contrario, a parità di presunto danno non ricaverebbero alcuna misura risarcitoria).

E’ appena il caso di ricordare che l’Unione Europea ha recentemente annullato la disposizione della Regione che prevedeva uno sconto per l’accesso dei musei siciliani per i residenti in Sicilia.

Rimane comunque il tema della fissazione di prezzi che agevolino coloro i quali abbiano particolari e ripetute esigenze di spostamento tra le sponde dello Stretto, per motivi di studio, lavoro o altro. Tema che Caronte & Tourist non rimuove, ma anzi ha tentato e tenta di affrontare con misure di estrema concretezza e immediata esigibilità.

Per i passeggeri a piedi

Premesso che esiste un’altra società di navigazione che percepisce contributi pubblici per assicurare la c.d. continuità territoriale e che C&T è principalmente una società di traghettamento di autoveicoli, Caronte & Tourist applica la stessa tariffa del vettore sovvenzionato, e inoltre esistono abbonamenti a condizioni di estremo favore per gli studenti e per i rappresentanti delle Forze dell’Ordine, costretti alla pendolarità tra Messina e Villa San Giovanni.

Queste le tariffe praticate per i passeggeri senza veicolo al seguito:

tariffe-caronte

Per i possessori di UNIMECARD esiste un abbonamento trimestrale da € 80,00.

Per i passeggeri con auto al seguito

Esistono sistemi di tariffazione (in particolare la “Tessera Top Client”) con scontistica incrementale in ragione della frequenza dei passaggi e possibilità di fatturazione cumulativa. Analoghi sistemi esistono anche per i mezzi commerciali.

A titolo di esempio, la tariffa per corsa singola applicata da Caronte & Tourist è la seguente:

  • Tariffa solo andata € 38,00
  • Tariffa A/R 90 giorni € 37,50
  • Tariffa Super (A/R 3 giorni) € 22,00
  • Tariffa daily (A/R in giornata) € 19,00

Con il programma “Top Client”, in ragione della frequenza dei traghettamenti effettuati in un mese, la scontistica sulle tariffe normalmente praticate va dal 20 % al 41 % del valore dei viaggi.

  • Tariffa con 4 passaggi effettuati in un mese € 15,20
  • Tariffa con 8 passaggi effettuati in un mese € 13,82
  • Tariffa con 12 passaggi effettuati in un mese € 12,67
  • Tariffa con 16 passaggi effettuati in un mese € 11,26

Le tariffe base, peraltro, come a suo tempo ampiamente dimostrato da un’analisi svolta a livello europeo, risultano essere tra le più competitive tra le società di navigazione che non beneficiano di sovvenzioni pubbliche.

Sono poi state esperite con successo “prove pratiche di conurbazione”, con bigliettazioni scontate legate a eventi o situazioni specifiche e particolari (p. es. la convenzione per favorire la partecipazione di cittadini calabresi al Messina Street Food Festival o l’altra, recentissima, per incentivare la visita di messinesi agli impianti sciistici di Gambarie), ovvero l’emissione di biglietti integrati che comprendono all’interno della tariffa normale anche ingressi gratuiti o scontati a musei e/o mostre, sconti presso esercizi commerciali o di ristorazione ecc.

L’espansione dell’utilizzo di tale nuova modalità (Teatro, Manifestazioni locali, spettacoli, spostamenti domenicali ecc.) è l’ulteriore contributo che C&T intende dare all’integrazione tra le sponde dello stretto, e su questo punto è disponibile a valutare ogni possibile proposta.

Con riferimento alle esigenze di carattere più marcatamente sociale, infine, due sono le macrocategorie su cui parrebbe opportuno un intervento politico/istituzionale, naturalmente preceduto da rigorosi accertamenti sulla sussistenza dei relativi requisiti di accesso:

  • i soggetti a basso reddito che per patologia siano costretti a traghettare con auto al seguito;
  • i soggetti a basso reddito che per motivi di lavoro sono obbligati a traghettare con auto al seguito.

Riguardo al primo gruppo, la soluzione adottata d’intesa col Comune di Villa San Giovanni, con l’Amministrazione locale che individua soggetti cui assegnare un “Biglietto Autorità” attinti da un plafond consegnato mensilmente. non pare essere la modalità più idonea alla bisogna avendo evidenti limiti numerici.

Riguardo al secondo Gruppo, precisando che nessuna società di traghettamento – neppure quelle che sono destinatarie di contributi pubblici legati alla funzione di continuità territoriale – può elaborare in proprio soluzioni valide per questi soggetti, parrebbe corretto che l’approccio politico/istituzionale, naturalmente preceduto da rigorosi accertamenti sulla sussistenza dei relativi requisiti di accesso, si muovesse in direzione dell’elargizione di mezzi di sostentamento di carattere generale da poter spendere nell’ambito della mobilità (che nel caso di specie è addirittura sovraregionale). Analoga modalità potrebbe essere applicata al primo caso, per la quota eccedente le disponibilità di biglietti agevolati fissate.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.