Tragico incidente sul lavoro: cade dal balcone, muratore morto nell'Ennese :ilSicilia.it
Enna

aperta un'inchiesta

Tragico incidente sul lavoro: cade dal balcone, muratore morto nell’Ennese

di
11 Agosto 2020

Un muratore di 62 anni è morto dopo essere precipitato da un balcone sul quale stava eseguendo dei lavori, a Valguarnera, nell’Ennese. Sul luogo, chiamati dai vicini, sono intervenuti i carabinieri.

Inutile l’arrivo dell’elisoccorso, l’uomo era già deceduto.

È precipitato da un’altezza di 7 metri mentre stava lavorando alla messa in sicurezza di uno dei cosiddetti “immobili fantasma”, a Valguarnera (En). L’uomo, Luigi Barbirotto, stava effettuando i lavori al quarto piano di un immobile nel centro storico con una ditta incaricata dal Comune che dopo un censimento di abitazioni e strutture fatiscenti e abbandonate, ha disposto, per quelle a rischio di crollo, la messa in sicurezza.

Si tratta di edifici sui quali i proprietari, spesso emigrati da decenni all’estero, non hanno alcun interesse. Quando le strutture rappresentano un pericolo per la pubblica e privata incolumità, il Comune interviene agendo poi per il recupero delle spese nei confronti dei proprietari, se questi vengono individuati.

Il pm di turno alla procura di Enna ha disposto la restituzione della salma ai familiari ed ha aperto un fascicolo per individuare eventuali responsabilità. Le indagini sono svolte dai carabinieri.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.