Tragico incidente sull'autostrada Catania-Siracusa, auto cade giù dal viadotto: morto il conducente :ilSicilia.it
Siracusa

IL FATTO

Tragico incidente sull’autostrada Catania-Siracusa, auto cade giù dal viadotto: morto il conducente

di
31 Dicembre 2021

Incidente mortale questa mattina poco dopo le 8 sull’autostrada Catania- Siracusa, in corrispondenza dello svincolo per Melilli. Sono sei i veicoli che risultano coinvolti. Un’autovettura è precipitata dal viadotto e il conducente è deceduto.

La vittima dell’incidente è  Stefano Amoruso, 50 anni, di Acireale. Tre le persone rimaste ferite in maniera non grave che si trovavano all’interno delle auto coinvolte nell’incidente. Quattro le autovetture che hanno creato il maxi tamponamento anche se in realtà sono in totale 8 i veicoli coinvolti che viaggiavano in direzione Siracusa. Nel violento impatto Amoruso è stato sbalzato fuori dall’auto, che non è precipitata come era stato reso noto in un primo momento, ed è finito nelle campagne sotto il viadotto. Scena drammatica si è presentata ai vigili del fuoco con due auto accartocciate.

Inutile l’intervento dell’elisoccorso. La polizia stradale è intervenuta per i rilievi e regolare il traffico, inizialmente bloccato da Lentini ad Augusta.

Tra i feriti ci sono anche due militari Usa. “I due marinai – si legge in una nota dell’ufficio stampa della base Nas Sigonella americana – sono in condizioni stabili e sono ricoverati all’ospedale navale della Nas Sigonella per la valutazione di eventuali ferite riportate. Nel rispetto della loro privacy, non possiamo comunicare ulteriori dettagli. I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno a tutte le persone coinvolte. La sicurezza dei nostri marinai e della nostra comunità è di fondamentale importanza per questo comando. Inoltre, la sicurezza stradale è parte integrante del nostro piano generale di sicurezza della base”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.