Tram a Palermo o lo ami o lo odi: le opinioni dei cittadini CLICCA PER LE VIDEOINTERVISTE :ilSicilia.it
Palermo

Come è cambiata la mobilità cittadina e come si convive con il tram?

Tram a Palermo o lo ami o lo odi: le opinioni dei cittadini CLICCA PER LE VIDEOINTERVISTE

di
3 Dicembre 2021

CLICCA PER LE VIDEOINTERVISTE

Era il 30 dicembre del 2015 quando il tram a Palermo ha effettuato la sua prima corsa dalla stazione Notarbartolo. Un sistema di mobilità intelligente e all’avanguardia per una metropoli come Palermo, che ha visto la luce dopo anni e anni di cantieri ( inizio lavori settembre 2007).
Attualmente in città  sono presenti quattro differenti linee, che collegano alcune periferie al centro cittadino.  La linea 1 unisce il quartiere di Roccella/Brancaccio alla Stazione centrale. La linea 2 conduce dal quartiere Borgo Nuovo alla Stazione Notarbarolo, attraversando viale Leonardo da Vinci, la linea 3 dalla stessa stazione a San Giovanni Apostolo. La linea 4 dalla stazione all’incrocio tra via Pollaci e corso Calatafimi, lungo la circonvallazione.
Un sistema di mobilità utilizzato da tantissimi cittadini, ma che continua a far discutere di se. Perché si sa, a Palermo il tram o lo si ama o lo si odia.
Noi, a distanza di quasi sei anni dalla prima corsa, siamo andati a raccogliere le opinioni di chi con il tram ci convive ogni giorno. Abbiamo intervistato i commercianti dell’asse viario Leonardo da Vinci / Notarbartolo per chiedere se e come siano cambiate le cose con l’arrivo del tram. Si vive meglio? In termini non solo di mobilità, ma anche di economia e sicurezza? Insomma, meglio prima o dopo?

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.