Tram Palermo, il consiglio comunale boccia la tratta di via Libertà :ilSicilia.it
Palermo

IL FATTO

Tram Palermo, il consiglio comunale boccia la tratta di via Libertà

di
25 Novembre 2021

Alla fine la linea A del tram di Palermo, quella che avrebbe dovuto percorrere via Libertà, si ferma a Palazzo delle Aquile. Il consiglio comunale approva, con 21 voti a favore, 9 contrati e 3 astenuti, l’emendamento a firma Ugo Forello e Giulia Argiroffi che cassa la linea. Vota a favore la nuova maggioranza: centrodestra, con assenti DiventeràBellissima e Forza Italia, Sicilia Futura e i renziani. Si astiene il M5S.

“Siamo molto soddisfatti per la bocciatura della linea A del tram che avrebbe devastato via Libertà e via Roma – commentano il capogruppo della Lega Igor Gelarda e la consigliera Marianna Caronia – Una battaglia che conduciamo dall’inizio della consiliatura, non perché contrari all’idea del tram in generale, ma perché questo progetto avrebbe devastato la nostra città. Così per come strutturato, questo tram non è utile alla città, anzi rischia di danneggiarla pesantemente. Ora è finalmente chiaro che non si perderà nessun finanziamento, anzi si liberano risorse per il cui utilizzo metteremo nero su bianco idee e proposte utili. Una volta superato lo scoglio del tram, voteremo per l’approvazione del Piano triennale delle opere pubbliche, per dare la possibilità di realizzare quelle opere, per la verità veramente poche, che questa incapace amministrazione potrà realizzare”.

LA NOTA DEL SINDACO E DELLA GIUNTA

All’agitarsi trionfalistico che ha accompagnato questa scelta da parte di quanti hanno con il loro comportamento, privato la città di un’opera indispensabile, ricordiamo il danno che hanno arrecato allo sviluppo di Palermo, alle attività economiche e alle opportunità di lavoro. Un atto di irresponsabilità politica che produce danni incalcolabili per la città e che l’Amministrazione comunale cercherà di limitare facendo valere la evidente illegittimità di questa scelta amministrativa in ogni sede competente. Siamo in presenza di una scelta palesemente illegittima anche per eccesso di potere e contraddittorietà. È paradossale che tale scelta si ponga in contrasto con gli interessi della città, con l’utilizzo di risorse pubbliche e con i progetti e le scelte deliberate e approvate da tutti i governi nazionali che si sono succeduti negli ultimi anni, che hanno sempre deliberato e finanziato proprio questa specifica opera. Nessuno si illuda: questa opera si realizzerà e la prossima amministrazione avrà il privilegio di inaugurarla.

IL COMMENTO DI GIUSTO CATANIA

Una pugnalata alle spalle della città. Una pagina buia per Palermo
L’emendamento che toglie la linea A del progetto tram di Palermo è un atto criminale. Politicamente e moralmente criminale. Sarà poi la magistratura a verificare se ricorrono gli estremi di reato o il danno erariale. Una cosa è certa: si è sacrificato l’interesse pubblico per privilegiare interessi privati e logiche di parte.
La linea A (Stazione centrale – Stadio) rappresenta il nodo fondamentale per tutto il sistema. Senza questa tratta, di fatto, non è sostenibile dal punto di vista economico, ecologico e trasportistico, l’intera rete tramviaria di Palermo.
Non si possono collegare tra loro i depositi di Brancaccio e di Borgo Nuovo. E non potranno essere collegate col centro città i quartieri dello Zen, Sferracavallo, Mondello, Villaggio Santa Rosalia, Bonagia, Cep, la cittadella universitaria, il Policlinico, l’Ospedale Civico, la parte a monte della Circonvallazione.
Con quale faccia tosta, in campagna elettorale, andranno a chiedere i voti a chi vive in questi quartieri? Pensano di aver fatto un dispetto a me o al sindaco?
È stata inferta una pugnalata alle spalle della città.
La linea A è prevista nel Piano triennale delle Opere pubbliche dal 2017 ed infatti, in passato, è stata votata positivamente dagli stessi consiglieri comunali che ieri l’hanno eliminata. Nel frattempo il progetto ha ottenuto i pareri positivi da una decina di organi tecnici tra cui la Soprintendenza ai beni culturali che non ha riscontrato alcuno scempio su via Libertà.
Su questo progetto si sono costruite menzogne e mistificazioni. Per questa ragione da due anni mi è stato sistematicamente impedito di parlare di tram in Consiglio comunale. Evidentemente non volevano che ci fosse qualcuno in grado di smontare il loro castello di bugie.
Ieri è stato buttato un finanziamento pubblico di 800 milioni di euro, come hanno scritto e spiegato bene i dirigenti del Comune di Palermo. Sarebbe stata una boccata di ossigeno per migliaia di lavoratori e per l’economia cittadina.
Evidentemente, mentre nel mondo si afferma la necessità di una transizione ecologica, questi consiglieri palermitani vogliono una città affogata dalle automobili, dall’inquinamento, dal rumore.
Ieri notte si è consumata una delle pagine più buie nella storia della città. Mentre qualche consigliere comunale esultava, in modo plateale, da qualche altra parte gruppi di potere hanno festeggiato.

LA LEGA PALERMO

“L’emendamento per cassare la linea A del Tram (via Roma e via Libertà) è stato appena approvato dal Consiglio comunale con 21 voti a favore, 9 contrari e 3 astenuti – dichiarano i consiglieri Marianna Caronia e Igor Gelarda -. Siamo molto soddisfatti per la bocciatura della linea A del Tram che avrebbe devastato via Libertà e via Roma. Una battaglia che conduciamo dall’inizio della consiliatura, non perché contrari all’idea del Tram in generale, ma perché questo progetto avrebbe devastato la nostra città. Così per come strutturato – proseguono – questo Tram non è utile alla città, anzi rischia di danneggiarla pesantemente”.

“Ora è finalmente chiaro che non si perderà nessun finanziamento, anzi si liberano risorse per il cui utilizzo metteremo nero su bianco idee e proposte utili alla città. Per far questo, coinvolgeremo esperti e cittadini, come non hanno voluto e saputo fare Leoluca Orlando e Giusto Catania, caparbiamente impegnati a imporre la propria idea. Una volta superato lo scoglio del Tram, voteremo per l’approvazione del Piano Triennale delle Opere Pubbliche, per dare la possibilità di realizzare quelle opere, per la verità veramente poche, che questa incapace Amministrazione potrà realizzare”, chiosano.

IL COMMENTO DI SINISTRA ITALIANA 

La scelta della destra e dei suoi nuovi sodali – gli stessi che prima di saltare il fosso avevano sostenuto e votato la linea A del tram – è grave e scellerata per tre semplici poche e significative ragioni: perché fa perdere milioni di euro, con le conseguenti ricadute economiche e sociali; perché rende monco un disegno organico di infrastrutturazione della città privando di efficacia urbanistica le linee già esistenti che alla linea A avrebbero dovuto connettersi; ma soprattutto perché porta indietro di quarant’anni le lancette culturali e politiche di Palermo, rimandando al peggiore immaginario che la città ha prodotto di sé quando l’interesse pubblico era totalmente piegato a quelli privati della speculazione. Nel tempo della crisi ecologica e nella necessità di convertire le nostre città attraverso scelte coraggiose, i nani della politica palermitana esultano sul corpo ferito della nostra città. Ne risponderanno alla storia e non certo alla cronaca spicciola a cui ambiscono, se il piano del tram non verrà approvato nella sua interezza“. Lo afferma Manuela Parrocchia, coordinatrice provinciale di Palermo di Sinistra Italiana, commentando la scelta dei consiglieri comunali di opposizione di azzoppare questa importante e strategica opera pubblica.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin