Trapani, al Museo Regionale Pepoli si inuagura la mostra su Nunzio Nasi: eclettico uomo politico e di cultura :ilSicilia.it
Trapani

rimarrà aperta sino al 15 maggio 2022

Trapani, al Museo Regionale Pepoli si inuagura la mostra su Nunzio Nasi: eclettico uomo politico e di cultura

di
11 Febbraio 2022

Si inaugura questo pomeriggio, Venerdì 11 febbraio, alle 17,30 nei locali del Museo regionale “Agostino Pepoli”, la mostra “Nunzio Nasi. L’uomo, il politico, il collezionista”, che rimarrà aperta al pubblico da sabato 12 febbraio sino al 15 maggio 2022. All’ inaugurazione saranno presenti, fra gli altri, l’Assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà, e il Direttore del Pepoli, Roberto Garufi.

Dedicata all’eclettico uomo di cultura trapanese che elesse “Scoglio”, il celeberrimo Villino di gusto liberty che fece edificare nell’estremo lembo della sua città come sua dimora, la mostra è realizzata dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana con il contributo del Libero Consorzio Comunale di Trapani e la partecipazione dell’Associazione Amici del Museo Pepoli, del Rotary Club Trapani-Erice e della Fidapa BPW, sezione di Trapani.

Il percorso espositivo ricostruisce, attraverso una ricca testimonianza di materiali documentari, fotografici e storici, oltre che di una selezione di preziosi arredi, suppellettili e immagini storiche provenienti dalla sua abitazione, gli ambienti e tappe della vicenda politica e umana di Nunzio Nasi, il politico trapanese vissuto a cavallo tra l’Ottocento ed il Novecento, il suo rapporto con Trapani e il territorio, i suoi interessi culturali.

Visitare la mostra – sottolinea l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà – è un’occasione importante per rileggere e far conoscere alle nuove generazioni un personaggio molto significativo della Trapani di fine ‘800 e per riscoprire un capitolo importante della storia locale e nazionale, riassaporando gusti, tendenze e mode dell’epoca in cui si sviluppò il Liberty“.

La travagliata esperienza politica di Nasi, espressione della sinistra liberale e progressista, prende avvio nella Sicilia delle lotte contadine e prosegue per undici legislature alla Camera dei Deputati. Due volte ministro del Regno, al dicastero delle Poste e della Pubblica Istruzione, processato e condannato per peculato dal Senato riunito in Alta Corte di Giustizia, Nasi fu protagonista di una vicenda politico-giudiziaria complessa, densa di ombre e di retroscena, quasi un Affaire Dreyfus in scala ridotta, che ha aleggiato a lungo sull’attività del Parlamento italiano dividendo l’opinione pubblica tra innocentisti e colpevolisti e alimentando in Sicilia animosità e violente contestazioni di ispirazione autonomistica.

La mostra – spiega il direttore del Museo Pepoli, Roberto Garufi approfondisce anche l’intenso rapporto di Nasi con le arti figurative e il suo ruolo di raffinato collezionista d’arte raccontato attraverso lo splendido ritratto in stile divisionista di Giacomo Balla, un’opera che fa parte delle collezioni permanenti del Museo, a cui abbiamo affiancato dipinti e sculture, cimeli e oggetti da collezione. All’interno dell’evento, la realizzazione della Sala Nunzio Nasi nel percorso espositivo del Museo, il restauro di numerosi mobili d’epoca e di opere d’arte e l’esposizione permanente dei pannelli descrittivi nelle sale del Villino Nasi, saranno il contributo del Museo al miglioramento dell’offerta culturale del territorio“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro