Trapani-Birgi, sbloccato il bando per le nuove rotte: dalla Regione 17 milioni :ilSicilia.it
Trapani

il 7 giugno la firma del progetto

Trapani-Birgi, sbloccato il bando per le nuove rotte: dalla Regione 17 milioni

31 Maggio 2018

“Ai dati del mese di aprile che hanno fatto registrare un decremento del 90% dei passeggeri per lo scalo di Trapani-Birgi, potevamo reagire soltanto creando tutte le condizioni per far partire al più presto il bando per le nuove rotte aeree”. Lo afferma l’assessore alle Attività produttive Mimmo Turano annunciando la conclusione dell’iter per il nuovo bando riguardante i collegamenti con l’aeroporto ‘Vincenzo Florio‘.

La Regione – spiega – ha già stanziato circa 17 milioni necessari per il bando e, il prossimo 7 giugno, i 12 comuni del co-marketing firmeranno il progetto e la convenzione previsti dalla legge regionale 24 del 2016. Contemporaneamente il Comune di Marsala, che è stato individuato come comune capofila, conferirà mandato alla Cuc Trinakria Sud di Comiso di espletare la gara“.

Il bando – aggiunge Turanoè un risultato importante che è stato possibile raggiungere grazie ad una sinergia di fattori, tra cui la stretta collaborazione con l’assessore al Turismo Sandro Pappalardo, con Paolo Angius, Elena Ferraro e tutta Airgest.  Si tratta di un passaggio fondamentale che però non esaurisce l’impegno del presidente Musumeci e di tutta la giunta per garantire una piena operatività dello scalo, una concreta attenzione al territorio e al suo sviluppo ed al diritto alla mobilità dei cittadini”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.