Trapani: Bongiorno (Confindustria), "la nomina di Messineo ci rassicura molto" :ilSicilia.it
Trapani

Bongiorno: "Avremmo preferito avere un sindaco che potesse avere una visione più strategica di medio e lungo termine"

Trapani: Bongiorno “la nomina di Messineo ci rassicura molto” [Video Intervista]

di
5 Luglio 2017

“La nomina di Messineo ci rassicura molto”. Lo dice ai nostri microfoni il presidente di Confindustria Trapani, Gregory Bongiorno, commentando la situazione politica che si è venuta a creare nella città dopo le ultime elezioni amministrative.

“Confidiamo nelle prossime settimane di andarlo a trovare – aggiunge – per avviare un rapporto di dialogo e collaborazione per cercare in questo anno di non far soffrire le aziende insediate a Trapani. Avremmo preferito avere un sindaco che potesse avere una visione più strategica di medio e lungo termine per i prossimi 5 anni”.

Sulla condizione in cui versa l’economia del territorio, Bongiorno sottolinea il ruolo importante del “turismo e dell’agroalimentare. Stiamo recuperando quel periodo di crisi che ha soprattutto caratterizzato l’industria dell’edilizia e delle opere pubbliche”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin