Trapani: cominciano a prendere forma le elezioni amministrative :ilSicilia.it
Trapani

Il 10 giugno voteranno 137 comuni siciliani

Trapani: cominciano a prendere forma le elezioni amministrative

di
24 Marzo 2018

Le elezioni amministrative del capoluogo trapanese iniziano a prendere forma.  Salvo D’Angelo, avvocato e leader di Scegli Trapani, sembra che non andrà con le primarie indette dal centro sinistra e non vorrà vendere una sua posizione. Si definisce di area moderata e punta a unire il centro destra con Forza Italia, Udc, l’area civica dell’assessore regionale Lagalla e con un gruppo civico guidato dallo stesso.

Potranno tagliare tutti i fiori ma non fermeranno mai la primavera. Era Pablo Neruda a sostenerlo – afferma D’AngeloAppartengo alla generazione dei trentenni e sono interessato esclusivamente ad un progetto di area moderata. Serve un cambio generazionale, culturale, progettuale. Serve anche dignità e personalità, anche al costo di perdere.

Diversamente, si alimenta il non voto e non si danno buoni motivi a coloro che non vanno alle urne da decenni. Allora, perché questa città cresca, cambi e prenda forma di un capoluogo di Provincia, è necessario che reagiscano con orgoglio le generazioni dei trentenni e dei quarantenni, quelli che stanno costruendo una famiglia, un futuro in questa amara e bella terra.

La mia apertura al mondo civico, e soprattutto al mondo dei partiti di questa coalizione resta la priorità per ripartire. Forti del nostro progetto amministrativo, in questa logica – conclude – non sciolgo ancora la mia riserva ma assicuro ai tanti amici che Scegli Trapani non è in vendita“.

Dall’altra parte Giacomo Tranchida ex sindaco di Valderice, poi di Erice che, attraverso un meccanismo usato in casa PD, vuole coinvolgere tutte le forze politiche dalla sua parte. E qualcuno ha già aderito al suo progetto, come ad esempio Peppe Bologna. Sembra che anche Guiana, mancato assessore al governo Musumeci in quota Forza Italia, sia interessato al progetto primarie.

Tranchida, sconfitto alle ultime regionali con casacca PD, vorrebbe conquistare Trapani, perché lui è il primo candidato alle primarie. Riunioni in hotel delle ultime ore indette invece da Pietro Savona, ex candidato sindaco del Pd alle scorse amministrative con tanto di fumata nera.

Nessuna intesa fra Savona e Nicola Messina, già esponente di spicco del governo Mimmo Fazio, il candidato sindaco che sembra si sia ritirato dalla politica per motivi giudiziari che lo coinvolgono assieme al numero uno del Trapani Calcio, Ettore Morace.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin