Trapani, partito il restauro della fontana del Saturno con il contributo del Kiwanis Club e Stefaniamode.com :ilSicilia.it
Trapani

il monumento edificato nel 1342

Trapani, partito il restauro della fontana del Saturno con il contributo del Kiwanis Club e Stefaniamode.com

di
19 Luglio 2018

Tornerà agli antichi fasti la trecentesca fontana del Saturno, nel centro storico di Trapani, a fianco della più nota chiesa di Sant’Agostino. Sono partiti nei giorni scorsi i lavori di restauro, diretti dall’architetto Santo Minafò, che riguardano il rivestimento degli intonaci, la rimozione delle ossidi, la cura dei marmi e le stuccature, interessando anche la parete superiore al gruppo scultoreo.

Versava da tempo in gravi condizioni di degrado il monumento dedicato all’antico nume protettore di Trapani, edificato nel 1342 dalla famiglia Chiaramonte per celebrare il primo acquedotto che da Erice portò l’acqua entro le mure cittadine.

Il cantiere andrà avanti per tutta l’estate e la consegna è prevista a settembre. L’iniziativa, promossa dal Kiwanis Club di Trapani, viene realizzata grazie al contributo di Stefaniamode.com, sponsor unico del progetto. Ammonta a circa quindicimila euro l’investimento complessivo.

fontana-di-saturno-Il Kiwanis è un club service il cui motto è “servire i Bambini nel Mondo” in termini di bisogni, assistenza e salute, ma i cui progetti si estendono ad altre esigenze della comunità come la difesa del patrimonio artistico e culturale. Il club di Trapani ha già curato il restauro della fontana del Tritone, l’illuminazione di  piazza Stazione e della Basilica dell’Annunziata, il restauro di parte della Chiesa del Rosariello e della Chiesa del Collegio, in stretta collaborazione con la Soprintendenza ai Beni Culturali.

“Il livello della difesa dei patrimoni è sicuramente calato – sottolinea il presidente Giuseppe Alletto – abbiamo puntato sulla realizzazione di questo restauro ritenendo doveroso, da un lato, preservare la bellezza delle opere di cui è ricca Trapani, dall’altro rendere questa iniziativa un tentativo di guardar lontano: un volano per rendere consapevoli i Trapanesi sulle potenzialità di ciò che li circonda e riprendere quel circolo virtuoso che, da qualche anno, sembra essersi interrotto”.

Stefaniamode.com, è un’affermata realtà commerciale del settore Fashion & Luxury, fondata a Trapani nel 1971 e fontana-di-saturno-attiva sia sul retail fisico che E-commerce, con oltre cento collaboratori e sedi a Milano e Trapani dove, oltre ai negozi, è localizzato il polo logistico: un’azienda di successo che coniuga la dimensione imprenditoriale con quella sociale, attraverso iniziative e sponsorizzazioni culturali mirate alla valorizzazione e allo sviluppo sostenibile del territorio.

Abbiamo accolto senza esitazioni la proposta del Kiwanis Club di Trapani di sostenere il progetto – afferma Aldo Carpinteri, fondatore di Stefaniamode.com – operiamo in tutto il mondo, ma il cuore e la testa della nostra impresa restano tenacemente ancorati a Trapani e alla Sicilia. Da imprenditore e da trapanese, sono orgoglioso di fare la mia parte per restituire alla città uno dei suoi gioielli più eleganti e suggestivi”.

A settembre è previsto a Trapani un evento, in occasione della scopertura dell’opera restaurata.

© Riproduzione Riservata
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.