Trapani senza sindaco, gli elettori restano a casa. I risultati in Sicilia | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Si afferma il centrodestra con l'unica eccezione di Sciacca

Trapani senza sindaco, gli elettori restano a casa. I risultati in Sicilia

di
26 Giugno 2017

Ballottaggio flop a Trapani. La bassa affluenza alle urne, che si attesta al 26,75%, ‘sconfigge’ l’unico candidato in corsa per fare il sindaco, Piero Savona (Pd), la cui unica speranza era un’affluenza almeno del 50% e la conquista del 25% delle preferenze. Gli elettori hanno disertato le urne: la città non ha né sindaco né consiglio comunale: decadono infatti anche i consiglieri eletti al primo turno in quanto non è possibile ripartire i seggi.  Sono stati 16.055 i votanti, meno della metà rispetto al primo turno quando furono 35.377, pari al 58,94%.

A perdere è la città, perché col commissario non ci sarà molto da sorridere. Tante persone hanno remato contro il ballottaggio, come Beppe Grillo e il senatore Antonio D’Alì che hanno assunto la stessa posizione”, commenta Piero Savona (Pd),

Sarà nominato nei prossimi giorni, dalla Regione siciliana, il commissario che guiderà il comune di Trapani. L’assessore regionale agli Enti locali, Luisa Lantieri, spiega che sarà designato un commissario unico, al posto di sindaco e consiglio comunale e che a Trapani si tornerà a votare nel 2018″. “La prima tornata utile – dice Lantieri – è quella del 2018 quando si terranno le amministrative in altri comuni. Non è possibile votare in concomitanza alle regionali del prossimo novembre poiché la sessione straordinaria è consentita solo per i comuni sciolti per mafia”.

Francesca Valenti, candidata del centrosinistra, col il 54,03%, è il sindaco di Sciacca (Agrigento), uno dei sette comuni siciliani impegnati nel ballottaggio per l’elezione del primo cittadino. Ha battuto Bono (45,97%). A Termini Imerese (Palermo), il sindaco è Francesco Giunta del centrodestra che col 50,59% ha sconfitto Vincenzo Fasone (49,51%). A Niscemi (Caltanissetta), ha vinto Massimiliano Valentino Conti (58,65%) su Francesco La Rosa (41,35%), entrambi sostenuti da liste civiche. Salvatore Astuti (55,96%) è il nuovo sindaco di Palagonia, nel Catanese, dopo avere avuto la meglio su Salvatore Valerio Marletta (44,04%).
Nell’altro comune della provincia etnea in cui si è votato, Scordia, Francesco Barchitta (53,71%) è riuscito a prevalere su Maria Contarino (49,26%) del M5s. Infine a Floridia, nel Siracusano, ha vinto Giovanni Limoli (59,04), sostenuto da liste civiche, che ha superato il candidato del centrosinistra Orazio Scalorino (40,96). (ANSA).

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.