Trapani: torna in scena il "Cendrillon" di Pauline Viardot con delle novità :ilSicilia.it
Trapani

DOMENICA 10 NOVEMBRE

Trapani: torna in scena il “Cendrillon” di Pauline Viardot con delle novità

8 Novembre 2019

Nuovo imperdibile appuntamento al teatro “Maestro Tonino Pardo” di Trapani, che, insieme all’Ente luglio musicale trapanese, metterà in scena “Cendrillon“, l’opera da salotto di Pauline Viardot, liberamente ispirata alla celebre fiaba di Cenerentola.

Un lavoro di teatro musicale di grande rilievo, con una nuova elaborazione musicale e orchestrazione a cura di Paola Magnanini.

Cendrillon di Pauline ViardotInoltre troviamo un nuovo allestimento scenico completo che richiama sul palco un cast d’eccellenza. Tra i tanti ricordiamo: Francesca Martini nei panni di Cendrillon, che interpreta quest’opera sin dalla prima edizione
nel 2015, e ancora, Pasquale Greco, nei panni del Barone, e Dario Sebastiano Pometti a dar volto al conte di Barigoule.

L’opera sarà diretta da Michelangelo Rossi, per la regia di Teresa Gargano.

Uno spettacolo da non perdere per passare una serata suggestiva all’opera.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.