23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.42
Trapani

La donatrice è una donna di 79 anni

Trapianti: all’ospedale S. Antonio Abate di Trapani eseguito un prelievo multiorgano

14 Marzo 2019

Un prelievo multiorgano è stato eseguito questa notte presso il presidio ospedaliero “S. Antonio Abate” di Trapani. La donatrice è una donna di 79 anni, alla quale sono stati prelevati fegato e reni, successivamente trapiantati, sempre in nottata, a tre pazienti ricoverati all’Istituto Mediterraneo per Trapianti e Terapie di Palermo.

Concluse tutte le fasi di accertamento di morte e verificata l’idoneità delle condizioni cliniche per la donazione, l’intervento di prelievo è stato condotto da un’equipe mista composta da chirurghi dell’Ismett, anestesisti dell’Anestesia e Rianimazione di Trapani, coordinati dal direttore dell’Unità e coordinatore Asp per i Trapianti, Antonio Cacciapuoti, e da operatori di Neurologia.

Decidere di donare i propri organi è un atto di infinita generosità e rispetto per la vita – ha detto il commissario straordinario dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani, Fabio DamianiSi tratta di una scelta che coinvolge fortemente e direttamente anche i familiari in un momento delicato e di profonda sofferenza. La donazione degli organi è collegata all’ idea del dono nella sua accezione etica più ampia e diventa una questione sociale col necessario coinvolgimento responsabile della popolazione“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.