Trasporti, Cgil: "L'insularità costa alla Sicilia 8 miliardi l'anno" :ilSicilia.it

La stima del sindacato

Trasporti, Cgil: “L’insularità costa alla Sicilia 8 miliardi l’anno”

di
15 Gennaio 2021

E’ un sistema dei trasporti quello siciliano che rende difficile la mobilità interna e non agevola né il turismo né le imprese e i mercati. Ad accendere i riflettori sull’argomento sono la Cgil e la Filt regionali che hanno organizzato in web conference un dibattito, dal titolo “Mettiamo i trasporti sulla buona strada”, con la partecipazione, tra gli altri, di Maurizio Landini, leader della Cgil e del ministro Paola De Micheli.

“Oggi – ha detto Franco Spanò, segretario della Filt regionale – la condizione di insularità costa alla Sicilia 8
miliardi l’anno. Si aggiungono i problemi dei collegamenti interni. Per questo occorrono investimenti in  infrastrutture e velocizzazione della spesa. Il tema della continuità territoriale sia prioritario nell’agenda del governo nazionale e di quello regionale”.

Il segretario generale della Cgil Sicilia, Alfio Mannino, ha detto che “il quadro di riferimento dovrebbe essere un piano  regionale dei trasporti che risolva anche il problema di un terzo dei 390 comuni siciliani oggi non serviti da mezzi di trasporto pubblico”.

Quanto al tema dell’attraversamento dello Stretto “oggi l’alta velocità nell’attraversamento marittimo con mezzi veloci – ha sostenuto Spanò – rappresenta un vero e proprio sistema integrato che deve essere potenziato e connesso alla Sicilia con quello del servizio ferroviario regionale”. Oggi la Sicilia sconta un sistema ferroviario insufficiente, con solo il 12% dei 1.490 km di rete a doppio binario e il 37% elettrificata. Tempi lunghi di percorrenza dunque, appena 441 corse di treni regionali contro le 2.396 della Lombardia, aree importanti non servite e il 90% delle merci che viaggia su gomma. Si aggiunge la mancanza di collegamenti intermodali.

Tra le proposte della Cgil la creazione di due enti di gestione per i sei scali aeroportuali, per la Sicilia occidentale e orientale. Per quanto riguarda le ferrovie centrali, per il sindacato, sono i temi dell’alta velocità “Indispensabile per lo sviluppo produttivo” e del raddoppio lungo l’itinerario Messina-Palermo-Catania.

La Cgil sollecita il finanziamento degli assi viari Ragusa-Catania e Gela-Agrigento-Trapani, la conclusione delle
manutenzioni e della riqualificazione dell’A19, della Palermo-Agrigento, della Nord-Sud e il potenziamento del
collegamento della Statale Agrigento-Caltanissetta. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.