24 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.17

dopo le stoccate del governatore

Trasporti, Falcone: “Giuste le critiche di Musumeci ad Anas e Rfi”

12 Dicembre 2018

“Il presidente Musumeci ha voluto giustamente richiamare Anas e Rfi alle loro responsabilita’”. Così Marco Falcone, assessore regionale alle Infrastrutture, in merito alle dichiarazioni del Governatore della Sicilia che ha criticato Anas e Rfi durante la presentazione del report del primo anno di Governo regionale.

“Abbiamo fatto dei distinguo per quanto riguarda la manutenzione ordinaria delle strade, dove Anas sta facendo bene – sottolinea Falcone – ma siamo molto insoddisfatti per quanto riguarda invece la grande progettazione. Nel 2016 l’ex presidente Crocetta e l’assessore Pistorio incontrarono l’AD di Anas, Gianni Armani, a Roma, per progettare opere per 1 miliardo di euro”.

“A distanza di due anni, con lo stesso interlocutore, ci siamo seduti io e il presidente Musumeci e nulla di quanto concordato era stato fatto nonostante avessimo pungolato l’Anas a fare grandi progettazioni. Musumeci ha raccolto un grido di allarme dell’opinione pubblica, dei siciliani che sono stanchi”. 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.