Musumeci gliele canta al ministro Delrio: "Si potenzino linee ferrate e strade siciliane" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Il governatore ha presentato alcuni progetti da finanziare

Musumeci gliele canta al ministro Delrio: “Si potenzino linee ferrate e strade siciliane”

di
7 Dicembre 2017

“L’incontro odierno è stato proficuo e segna un buon inizio di collaborazione tra Stato e Regione – afferma il presidente Musumeci -. E’ arrivato il momento che Roma capisca che la crescita della Sicilia diviene strategica per il rafforzamento complessivo del sistema Paese”.

Lo ha detto il presidente della Regione, Nello Musumeci, incontrando a Roma il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio.

Il governatore, accompagnato dall’assessore Marco Falcone e dal direttore generale del Dipartimento regionale delle Infrastrutture, Fulvio Bellomo, ha posto l’accento sulla carente infrastrutturazione siciliana e ha presentato al ministro i progetti relativi al completamento della strada a scorrimento veloce Libertinia-Licodia Eubea 117/bis (terzo e ultimo stralcio), per il costo di 150 milioni di euro, e al ripristino della linea ferroviaria Caltagirone-Gela, interrotta da anni nei pressi di Niscemi, per la cui attivazione occorrono 80 milioni di euro.

Inoltre, il presidente della Regione ha chiesto al ministro Delrio “di incrementare del 20 per cento le risorse destinate al trasporto ferroviario sull’Isola, ad oggi ferme a 111 milioni di euro, insufficienti per coprire i costi onerosi del contratto di servizio con Trenitalia e per garantire ai siciliani un trasporto su rotaia moderno ed efficiente”. “Il ministro – affermano dalla presidenza della Regione ha manifestato attenzione alle problematiche presentate dal presidente Musumeci e dall’assessore Falcone”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.