Trasporti, Musumeci: "Sì al confronto con Roma, ma il Ponte sullo Stretto resta priorità" :ilSicilia.it

in conferenza online

Trasporti, Musumeci: “Sì al confronto con Roma, ma il Ponte sullo Stretto resta priorità”

di
26 Marzo 2021

“Pronti a sederci a un Tavolo di confronto col Ministero, bene soluzioni immediate atte a velocizzare l’attraversamento “dinamico” dello Stretto, ma il collegamento stabile tra Sicilia e Calabria resta per noi una priorità fondamentale. E sul Cas Roma decida se vuole riprendersi in toto le concessioni autostradali o aiutarci a sostenere il risanamento di un ente che abbiamo trovato depotenziato”.

E’ quanto ha detto il presidente della Regione, Nello Musumeci, al ministro delle Infrastrutture, Enrico Giovannini, nel corso dell’incontro in video conferenza di questa mattina. Presenti anche  l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone e i dirigenti generali dei dipartimenti Infrastrutture e Tecnico, Fulvio Bellomo e Salvatore Lizzio.

Il ministro Giovannini ha proposto l’istituzione di un Tavolo di confronto tra il Ministero e la Regione Siciliana su alcuni nodi relativi alle infrastrutture e ai trasporti dell’Isola. Ha poi ribadito la decisione di non includere il collegamento stabile nello Stretto nel Pnrr, anticipando di aver chiesto alla commissione che sta affrontando la valutazione dell’opera indicazioni “su cosa si può fare nel breve termine per migliorare l’attraversamento “dinamico”, su cui ci sono grandissimi margini per operare subito, fermo restando che non si tratta di una alternativa al collegamento stabile”. 

“Cogliamo la grande disponibilità da parte del ministro – ha detto il presidente Musumeci – e ben venga il tavolo di confronto al quale siamo pronti a sederci immediatamente. Soluzioni nell’immediato per velocizzare l’attraversamento dello Stretto ci vedono assolutamente disponibili. Sia chiaro, però, che il nostro Governo sta scommettendo sul trasporto ferroviario e che per noi l’alta velocità per poter passare da Messina a Reggio Calabria in tre minuti rimane una necessità fondamentale. Solo così potremo fare della Sicilia una piattaforma logistica del Mediterraneo e dare ai siciliani trasporti degni di una Nazione civile”.

Sul “nodo” delle concessioni al Cas Musumeci ha fatto presente come il governo regionale “abbia ereditato un carrozzone, trasformandolo in tre anni in un ente sano e serio, malgrado debba recuperare anni di omissioni e di mancate manutenzioni. Perciò, se lo Stato vorrà riprendersi le concessioni lo faccia in toto, non ci strapperemo le vesti. Altrimenti, ci sostenga nel processo di risanamento del Cas, per esempio versando nelle casse dell’ente i 110 milioni ancora attesi per la Siracusa-Gela. Sarà un tema di discussione al tavolo di confronto”.

Durante l’incontro si è parlato anche delle opere da affidare a una gestione commissariale per velocizzarne l’iter: le arterie stradali Catania-Ragusa (per la quale il ministro ha confermato che commissario sarà il presidente della Regione) e la strada statale 640 “Strada degli scrittori”; la linea ferroviaria Palermo-Trapani (via Milo) e l’ammodernamento delle direttrici Palermo-Catania-Messina; le infrastrutture idriche; l’edilizia statale; la portualità. Il Governo Musumeci, inoltre, ha richiesto l’inserimento nella lista delle opere da affidare a gestione commissariale anche la S.S. 115 Mazara del Vallo-Trapani (1° lotto), la S.S. 683 Licodia Eubea (2° lotto), la Nord-Sud (lotto B5) e la Palermo-Agrigento.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin