Trasporti, Palermo: dopo 11 anni torna il biglietto unico bus-tram-treno | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Iniziativa presentata a Palazzo d'Orleans

Trasporti, Palermo: dopo 11 anni torna il biglietto unico bus-tram-treno | VIDEO

di
3 Luglio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Una tappa, non ancora un traguardo, verso l’obiettivo di un sistema di trasporto pubblico intermodale per decongestionare il traffico urbano. Da domani a Palermo sarà possibile viaggiare su bus, tram e treni con un biglietto giornaliero unico dal costo di 5,50 euro.

È il risultato dell’intesa tra Trenitalia, Regione Siciliana, Comune di Palermo e Amat, l’azienda che si occupa della mobilita’ urbana nel capoluogo siciliano. Il ticket, che sarà gratuito per i ragazzi fino a undici anni accompagnati da un adulto, “semplifica gli spostamenti dei cittadini e dei turisti – ha affermato l’amministratore delegato di Trenitalia, Orazio Iacono, nel corso di una conferenza stampa svoltasi a Palazzo d’Orleans – e, oltre a quelle dei cittadini, ottimizzerà i tempi di spostamento dei turisti. In un momento come l’attuale, in cui il turismo di prossimità è diventato centrale, un progetto come questo è strategico per costruire un futuro sostenibile all’insegna soprattutto della riduzione dell’inquinamento nelle nostre città“.

Sula stessa linea Michele Cimino, presidente dell’Amat, che definisce questo progetto come“un passo avanti nella già avviata sinergia dell’azienda con il governo regionale, ma anche un ulteriore risultato che si aggiunge al potenziamento del sistema di car sharing”. Uno strumento, il biglietto unico, in linea con l’attuale domanda di qualità dei servizi di trasporto: “Il periodo della pandemia indotto le persone a dare più valore al tempo, in particolare al quello, eccessivo che si perde per coprire anche spazi urbani molto brevi. Quello tra tempo e distanze è un rapporto che si deve sempre più ottimizzare e per arrivare a questo risultato bisogna necessariamente passare dalla mobilità sostenibile“.

Un soluzione nuova per la Sicilia, che parte da Palermo come progetto sperimentale , per essere estesa anche a Catania e Messina. “Speriamo di potere coinvolgere nell’iniziativa anche gli aeroporti – ha detto il presidente della regione Nello Musumeci  . Il biglietto integrato contribuirà a affermare finalmente una valida alternativa al mezzo privato, a cui il cittadino tradizionalmente ricorre per il timore di incorrere nei disagi causato da quelli pubblici”.

Durante la conferenza stampa, Iacono, collegato via skype da Milano, ha annunciato l’arrivo di 21 nuovi treni. Ma resta aperto il problema della frequenza dei mezzi.

Altro obiettivo fondamentale il miglioramento dei collegamenti ferroviari tra città – non solo i capoluoghi – e gli aeroporti. Un fronte nel quale la provincia di Palermo ne vedrà avviato uno più veloce tra Cefalù e l’Aeroporto palermitano di Punta Raisi. “Grazie a un by pass ferroviario realizzato nella stazione di Maredolce (fermata ferroviaria situata sul tronco urbano della linea per Trapani, ndr), chi viene da Cefalù non dovrà cambiare treno alla Stazione Centrale, subendo le perdite di tempo del restringimento di Orleans, e potrà così arrivare alla stazione ferroviaria situata sotto i check in con un risparmio di tempo di 25 minuti”. Inoltre – ha concluso Falcone – “attiveremo 7 nuove coppie di treni nei giorni festivi”.

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.