20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.27

Ad affermarlo è l'eurodeputata siciliana

Trasporti, Tardino: “Ristori per autotrasportatori siciliani”

12 Giugno 2019

Gli autotrasportatori siciliani per gli imbarchi e gli sbarchi delle merci a Genova, potranno beneficiare dei ristori dopo il crollo del Ponte Morandi“. Ad affermarlo è l’eurodeputata siciliana, Annalisa Tardino che sottolinea come si tratti di un risultato importante per la categoria degli autotrasportatori che allieva pure i costi delle imprese isolane.

Sulla questione – afferma l’eurodeputata della Lega – avevo iniziato a lavorarci durante la mia candidatura accogliendo favorevolmente le richieste dell’Aitras – Trasportounito Sicilia, un’associazione di categoria che affronta quotidianamente le problematiche del settore. Così insieme a Salvatore Bella, Maurizio Longo e Maria Giovanna Termini, ci siamo recati al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, sollevando la questione con il sottosegretario Rixi prima delle sue dimissioni“.

Tardino spiega in cosa consiste il ristoro per gli autotrasportatori che vanno e che partono da Genova.

Prima il ristoro era previsto per i mezzi carichi di merce e per il riposizionamento nel porto dei container vuoti, tagliando però fuori i rimorchi e le casse mobili vuote. Grazie a Rixi questa distinzione è stata eliminata“.

Annalisa Tardino ha un altro progetto da portare a termine a beneficio degli autotrasportatori.

“In un Paese come l’Italia circondato dal mare – afferma l’eurodeputata – occorre un contributo strutturale per gli autotrasportatori che scelgono il trasporto combinato strada – mare, ma questo non deve essere considerato come un aiuto di Stato, ma una forma di agevolazione estesa a tutti i cittadini italiani per il minor inquinamento, più bassa congestione stradale e minore usura del nostro fragile sistema viario“.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.