Trasporto arereo in Sicilia, EasyRimborso: "Catania lo scalo più colpito dai ritardi" :ilSicilia.it

la ricerca sui disservizi

Trasporto arereo in Sicilia, EasyRimborso: “Catania lo scalo più colpito dai ritardi”

di
27 Febbraio 2019

Ritardi e le cancellazioni dei voli rallentano, sempre più di frequente, la mobilità dei Siciliani. I principali scali dell’isola, Palermo e Catania sono maggiormente penalizzati essendo, per ovvie ragioni, i più trafficati della Sicilia. Restano Comiso e Trapani con pochissimi voli. Infine, la Sicilia conta anche i due scali delle isole minori di Lampedusa e Pantelleria.

I disservizi determinati dai vettori aerei. Casi di circostanze eccezionale a parte (meteo, scioperi ecc), i ritardi colpiscono, secondo una ricerca interna dell’Ufficio legale di EasyRimborso, lo scalo etneo. Salvo D’Angelo, direttore legale di EasyRimborso, insieme al fratello Felice D’Angelo, Ceo della società di rimborsi aerei, ha diretto una ricerca basandosi sui contenzioni in corso.

“Con dati alla mano penso di poter ritenere che Catania è il primo aereoporto siciliano per contenziosi da ritardi e cancellazioni di voi. Analizziamo centinaia di casi  al mese e – continua D’Angelonon possiamo non essere che certi della complessa situazione aeroportuale dello scalo catanese. Attenzione – conclude – nessuna responsabilità della società che gestisce lo scalo, semmai una responsabilità dei vettori che vincola i passeggeri dell’intera Sicilia orientale. Su 100 casi di passeggeri siciliani registrati , oltre 60 riguardano lo scalo etneo. Sui 60, oltre il 10% subisce disservizi. Pero, attenzione, l’Etna è un vulcano e determina molto lo scalo. Ed in questi casi, si tratta di circostanza eccezionale, quindi, niente risarcimento.”

Ancora sui vettori ritardatari, Felice D’Angelo afferma che “il fenomeno dei ritardi e delle cancellazioni di voli va certamente tenuto in considerazione in proporzione alle tratte eseguite dai singoli vettori. Le compagnie che eseguono oltre 500 tratte al giorno, sono soggette a ragionevoli ritardi. Tuttavia, gli eccessi determinano danni in capo ai passeggeri. Per questi danni, la normativa europea riconosce la compensazione pecuniaria. Sono 250 euro a passeggero, oltre spese se giustificate.”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti