Trasporto pubblico a Messina: un baratro da oltre 80 milioni di debiti :ilSicilia.it
Messina

bilanci non approvati dal 2003

Trasporto pubblico a Messina: un baratro da oltre 80 milioni di debiti

13 Ottobre 2019

“Stiamo lavorando, senza sosta, per uscire dal baratro in cui si trova il trasporto urbano a Messina. Non è semplice ma stiamo lottando per rimediare ai disastri che abbiamo ereditato”. Il monito arriva dal sindaco di Messina, Cateno De Luca, che a conclusione di un vertice tenutosi oggi a Palazzo Zanca conferma la situazione a dir poco drammatica in cui cui si trova l’Atm nella Città dello Stretto.

“Abbiamo avuto un serrato confronto con i liquidatori di Atm – spiega De Luca – che stanno definendo il piano di liquidazione (debiti/crediti) da trasmettere al consiglio comunale entro il 30 ottobre. Purtroppo emerge sempre più una voragine economico – finanziaria che rischia di non consentire oltre la prosecuzione dello stato di liquidazione per l’eccessivo quantità di debiti rispetto ai crediti. Bilanci non approvati dal 2003 e nessuno mai fatto nulla”.

“Siamo di fronte – continua De Luca – ad una situazione debitoria che supera gli 80 milioni di euro e nessuno mai aveva avviato la procedura di messa in liquidazione. La nuova Atm Spa sta invece completando le procedure propedeutiche per avviare il nuovo servizio. Ci stiamo muovendo in modo determinato e concreto per arrivare ad una svolta e rimediare alle enormi difficoltà di fronte alle quali ci siamo trovati”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.