Trasporto pubblico a Palermo, Figuccia: "I vertici dell'Amat? Esperti in giravolte" :ilSicilia.it
Palermo

ieri la riunione del consiglio comunale

Trasporto pubblico a Palermo, Figuccia: “I vertici dell’Amat? Esperti in giravolte”

di
30 Ottobre 2018

Sorprendente la giravolta del neopresidente dell’Amat, Michele Cimino“, ad affermarlo è il consigliere comunale dell’Udc, Sabrina Figuccia.

Percorso di rilancio e nuove sinergie: sono le sue parole chiave pronunciate ieri sera in Consiglio comunale, non prima però di avere stralciato le somme relative alla direttiva imperativa e vincolante del sindaco, che fa riferimento a decine di milioni di euro“.

“Strano cambio di direzione quello di Cimino che, dopo pochi giorni dal suo insediamento, dichiarava di non essere disponibile a togliere preziose risorse all’azienda di via Roccazzo, facendosi forte di un parere di uno studio legale romano in aperto contrasto con quello dell’Avvocatura comunale e arrivando persino a voler portare la querelle in tribunale”.

“Ieri invece, è apparso molto conciliante. Nel corso del suo intervento, inoltre, ha affermato che l’Amat non possiede né l’ufficio stampa né quello legale. Una dimenticanza probabilmente dovuta alla sua pochissima esperienza a capo dell’Amat, dove però esiste una Direzione affari legali che, ad occhio e croce, costerebbe almeno 500.000 euro annui, composta da un dirigente, un funzionario e altri quattro dipendenti. Inoltre, la Direzione affari legali dipende dalla quella amministrativa che ha un altro super dirigente”.

“E se Cimino può essere scusato – aggiunge Figucciaanche se, probabilmente, prima di pensare di assumere avvocati o giornalisti, sarebbe il caso di conoscere le proprie risorse interne, perché è in via Roccazzo soltanto da poche settimane, non altrettanto si può dire del direttore generale Gianfranco Rossi, che ieri, nel corso dell’audizione, non ha fatto una piega, come se la cosa non lo riguardasse direttamente”.

Caro direttore Rossi, considerato che da anni lei è ai massimi vertici dell’azienda, possibile che non si sia accorto che, in una stanza vicina alla sua, esiste la direzione affari legali? Possibile che, visto il suo lauto stipendio, protetto come un segreto di Stato, non sappia che è composto da ben 5 dipendenti? Per cercare di svelarlo – conclude il consigliere – stamattina ho fatto una richiesta agli atti per conoscere il contratto da direttore tram, l’affidamento delle funzioni da DG e tutti gli atti connessi alle proroghe. Mi auguro che i palermitani possano sapere al più presto come vengono spesi i loro soldi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin